All’asta alcuni scritti di Steve Jobs e un Apple-1 funzionante

Apple IPrima di diventare l’ideatore dell’iPhone e leader di una grande multinazionale tecnologica come Apple, il giovane Steve Jobs lavorava presso Atari.

Negli anni 70 Atari lavorava già nel campo dei videogame  e un diciannovenne Jobs si occupava del miglioramento del design di questi cabinati, antenati delle attuali console.

Il documento, datato 1974, riporta alcune notazioni di Steve Jobs inerenti a un cabinato in fase di sviluppo chiamato World Cup. Inoltre, nei quattro fogli messi all’asta, sono presenti alcuni dettagli grafici disegnati a mano da Jobs stesso.

Foto Apple I Clicca le foto per ingrandirle

Sotheby, la casa d’aste newyorkese, stima che il documento in questione valga tra i 10 e i 15 mila dollari.

Ma non è l’unico pezzo di storia dell’informatica ad essere messo all’asta il 15 giugno, tra i vari pezzi da collezione è presente anche una scheda madre funzionante del leggendario Apple I, il primo microcomputer della storia, assemblato da Jobs e Wozniak in appena 200 esemplari.

Quest’ultimo è un pezzo rarissimo, poiché esiste in 50 esemplari di cui solo 6 sono funzionanti e proprio quella in asta appartiene a queste 6, infatti in questo caso il prezzo di vendita stimato lievita a una cifra compresa tra i 120 e 180 mila dollari.

Guarda le foto Apple I

Foto Apple I

Le foto dell’Apple I, il primo computer Apple messo all’asta da Christie’s e vinto da Marco Boglione, patron di Robe di Kappa e Superga.

Condividi questa pagina con i tuoi amici
|

Commenti

Altre Notizie PianetaTech, news di tecnologia
1 settembre 2014

Pixlr sfida Photoshop e affini rilasciando la versione desktop (video)

Pixlr è una popolare web app sviluppata da Autodesk,  che permette di usufruire di un programma di fotoritocco ricco di funzionalità, direttamente dal nostro browser preferito e in maniera totalmente gratuita. La... continua>
1 settembre 2014

7 trucchi per realizzare foto originali con lo smartphone (video)

I moderni smartphone sono ormai dotati di sensori che permettono a tutti di realizzare foto di qualità, ma basta fare un giro sui social network per notare come molti degli scatti appaiano... continua>