Angry Birds Rio, in uscita il 22 marzo sull’App Store: il trailer

Nato dalla collaborazione tra Rovio e 20th Century Fox, “Angry Birds Rio” è pronto a debuttare su iPhone e Android nell’inedita veste di crossover tra l’ormai famosissimo videogioco degli uccelli arrabbiati e le avventure del nuovo film d’animazione in 3D, “Rio” per l’appunto.

E se quest’ultimo uscirà nelle sale italiane il prossimo 15 aprile, l’inedito “Angry Birds Rio” sarà invece disponibile sull’App Store della Apple già dal 22 marzo, mentre Amazon, il ben noto colosso del’e-commerce, si è assicurato la distribuzione esclusiva della versione per smartphone Android, prevista all’inizio di aprile.

Per quanto riguarda più propriamente l’aspetto ludico, il nuovo “Angry Birds Rio” figurerà i due pappagalli protagonisti del film d’animazione, ovvero Blu e Jewel, mentre i consueti maialini verdi saranno sostituiti nei nuovi livelli dagli uccellini in gabbia mostrati nel cartoon 3D della 20th Century Fox

 

A fronte dei 100 milioni di download delle varie edizioni di “Angry Birds” dal giorno del suo debutto, sul finire del 2009, l’amministratore delegato della stessa Rovio, Peter Vesterbacka, non ha forse esagerato nel prevedere la prossima fine dei giochi per console. Secondo Vesterbacka, questi ultimi costerebbero fin troppo per gli utenti, anche perché soggetti a lunghi tempi di sviluppo ed elevate spese produttive.

Avrà ragione? Intanto noi lasciamo in compagnia del trailer ufficiale dell’atteso mobile game.

Angry Birds Rio Trailer

Condividi questa pagina con i tuoi amici
|

Commenti

Altre Notizie PianetaTech, news di tecnologia
29 agosto 2014

Registrare video dal punto di vista del cane con una GoPro, grazie al nuovo supporto Fetch (video)

Grazie alla continua diffusione di telecamere sportive, capitanate dalla famosissima GoPro, da tempo siamo ormai in grado di realizzare video che mostrano punti di vista fino a prima inediti. Se però vi... continua>
29 agosto 2014

Nanobot in grado di combattere il cancro

I progressi della medicina moderna ci permettono di superare senza conseguenze molte malattie. Purtroppo però la cura di alcune gravi patologie rimane ancora una meta ancora lontana sebbene gli sforzi della ricerca... continua>