Facebook App per iPhone, rivoluzione in vista: Bilton, “Veramente veloce!”

Facebook sempre più “legato” al mondo Apple, dopo l’ufficializzazione di Gestore delle pagine Facebook e il corposo aggiornamento di Facebook Messenger, Nick Bilton, collega del New York Times, ha infatti annunciato di aver provato in anteprima, una nuova versione dell’App ufficiale per iOS che dovrebbe essere rilasciata entro la fine dell’estate:

“Ho avuto l’opportunità di vedere l’applicazione non ancora rilasciata per iPhone, ed è veloce! Veramente veloce! I due ingegneri con cui ho parlato hanno affermato che la nuova applicazione verrà testata dagli sviluppatori di Facebook e dovrebbe essere rilasciata entro questa estate”.

La notizia che ha ovviamente richiamato sin da subito l’attenzione degli utenti stanchi dei continui rallentamenti e crash dell’attuale versione, non fa quindi che confermare il flop di Facebook come web-app.

Pochi ne sono a conoscenza, ma come spiegato dalle due fonti di Bilton, la versione che finora abbiamo imparato a conoscere era basata infatti su codice HTML 5 all’interno di una shell in Objective-C. Insomma una vera e propria web-app che prelevando tutte le informazioni dal web, automaticamente poteva subire rallentamenti e timeout.

Attenzione però ad immaginarsi un’App di Facebook rivoluzionata anche nella grafica, rivoluzione si, ma la sua storica interfaccia grafica continuerà ancora ad “allietarci”.

Condividi questa pagina con i tuoi amici
|

Commenti

Altre Notizie PianetaTech, news di tecnologia
22 agosto 2014

La sedia indossabile che vi permette di sedervi ovunque vogliate

I dispositivi indossabili si stanno prepotentemente affermando come bandiere dell’ultima era tecnologica: se quando pensate ad essi, però, vi vengono in mente solo occhiali, braccialetti ed orologi smart, sappiate che la vostra... continua>
22 agosto 2014

Le auto sapranno quando utilizziamo il cellulare

Non utilizzare il telefono alla guida, oltre ad essere una regola imposta dalla legge, dovrebbe far parte del buon senso di tutti. Eppure una grande percentuale degli incidenti è legata ad una... continua>