Nuovi MacBook Pro ultrasottili con Intel Ivy Bridge: uscita ad Aprile

Digitimes in gran spolvero: i colleghi taiwanesi infatti, dopo aver aperto alla possibile ufficializzazione di un iPad 2 low cost da 8GB, si sono buttati in un campo che in questi ultimi mesi ha dimostrato essere non di certo inesplorato: l’uscita dei nuovi .

APPROFONDIMENTO: MacBook Air, MacBook Pro e iPad 3: parla Tim Cook

L’idea è quella che Apple, possa cavalcare il successo riscontrato con i richiestissimi MacBook Air, portando la caratteristica cardine di quest’ultimi, le dimensioni estremamente ridotte, anche sui nuovi MacBook Pro. Secondo Digitimes, Cupertino ha infatti in mente di lanciare nuovi modelli da 13 e 15 pollici entro la fine di marzo, massimo i primi di Aprile.

A riprova di quella che potrebbe rivelarsi un’astutissima mossa, l’indiscrezione secondo cui siano già in consegna ben 900mila esemplari che, oltre ad introdurre le miniaturizzazione presenti negli attuali MacBook Air, monteranno i nuovi processori Intel Ivy Bridge.

Ed è qui che entra in gioco l’astuzia di Apple: qualche giorno fa Sean Maloney, vicepresidente di Intel e presidente di Intel China, aveva dichiarato al Financial Times di un possibile ritardo di 10 settimane sul lancio massivo degli Ivy Bridge. La smentita Jon Carvill, portavoce di Intel, non si è fatta però attendere. La verità è che i nuovi processori Intel, verranno consegnati a scaglioni. Apple si è accaparrata i primi esemplari che monterà sui nuovi MacBook Pro, assicurandosi quindi di fatto un vantaggio sulla concorrenza di diverse settimane.

Condividi questa pagina con i tuoi amici
|

Commenti

Altre Notizie PianetaTech, news di tecnologia
2 settembre 2014

La NASA al lavoro su una “torre di controllo” per droni

La NASA sta sviluppando un sistema di controllo del traffico aereo specializzato per i droni. LEGGI ANCHE: Droni e piloti umani volano per la prima volta fianco a fianco (video) Secondo il NYT... continua>
2 settembre 2014

L’app per capire dove posizionare il router Wi-Fi

Nel tentativo di capire come il segnale Wi-Fi si propagasse in casa sua, Jason Cole, fiero possessore di un PhD in Fisica, ha mappato il suo appartamento, assegnato determinati valori di rifrazione... continua>