Nuovo iPad: spiegata l’incompatibilità delle Smart Cover

Se in mattinata vi abbiamo aggiornato sul caso “surriscaldamento iPad 3“, ora andiamo a toccare un altro spinoso capitolo riguardante il che sta riempiendo le pagine di diversi forum tra cui quello ufficiale Apple: l’apparente incompatibilità tra le “vecchie” e il nuovo gioiellino firmato Cupertino.

APPROFONDIMENTO: Surriscaldamento nuovo iPad, test termografico ed Apple: netta smentita

Secondo una ricerca eseguita dal fotografo statunitense Mark Booth, documentata con un video presente nel suo blog personale, l’incompatibilità non andrebbe ad interessare tutte le Smart Cover, ma solo quelle un po’ più datate, ciò a causa della differente polarità dei magneti rilevate dall’iPad 3:

 ”Ho capito che Cupertino nel nuovo iPad 3 ha deciso di usare un tipo di sensore in grado di rilevare la polarità dei magneti. Ad alcuni utenti, l’iPad 2 entrava erroneamente in sleep quando tentavano di piegare la Smart Cover sul retro del tablet. Questo accadeva perché il sensore wake/sleep dell’iPad 2 non è in grado di percepire la differenza di polarità, e talvolta viene attivato anche se la cover è posizionata sul fondo del dispositivo. Scegliendo un sensore che richiede la polarità corretta, il problema è stato risolto”.

Riassumendo quindi, l’icompatibilità, se così vogliamo definirla, è facilmente bypassabile o adoperandosi con uno dei soliti metodi fai da te, consiglio quindi la visione di un interessante video postato da Cnet, o rivolgendosi ad Apple per la sostituzione gratuita della propria Smart Cover.

Condividi questa pagina con i tuoi amici
|

Commenti

Altre Notizie PianetaTech, news di tecnologia
18 settembre 2014

LumiLor, una vernice luminosa in grado di animare la vostra automobile (video)

Se i neon posizionati sulle automobili vi sono sempre sembrati “un po’ poco”, ed eravate ancora alla ricerca di qualcosa che potesse attirare l’attenzione sul vostro mezzo di trasporto, probabilmente le vostre... continua>
18 settembre 2014

Sotto Stonehenge si cela un “Super Henge”

Dopo quattro anni di studi è stato svelato che sotto Stonehenge si celano una serie di strutture simili a quelle che si trovano in superficie. Lo Stonehenge Hidden Landscape Project è il... continua>