Steve Wozniak difende Megaupload, DotCom: “Grazie Woz e EFF”

Dopo l’EFF, Alicia Keys, Kim Kardashian e Will.i.am, un’altra “star” abbraccia la “battaglia” contro il governo degli Stati Uniti da parte del creatore di MegaUpload, Kim DotCom, il “mitico” co-fondatore di Apple, .

Secondo quanto riportato da CNET infatti, Woz, in un recente viaggio in Nuova Zelanda, arrivato ad Auckland, è stato ospitato nella villa di DotCom.

I due si sono fatti immediatamente immortalare insieme segno che, nonostante le gravi accuse mosse dal governo degli Stati Uniti contro “l’uomo MegaUpload”, una buona parte dell’opinione pubblica continua incensantemente a sostenerlo.

Scrive CNET a questo proposito:

“Durante un viaggio in Nuova Zelanda, Steve Wozniak si è fermato a casa DotCom ad Auckland e ha fatto diverse foto con il fondatore di MegaUpload che è attualmente accusato dal governo degli Stati Uniti per violazione di copyright, riciclaggio di denaro e frode telematica. Gli Stati Uniti stanno cercando di estradare DotCom ed è infatti prevista un’udienza in Nuova Zelanda per decidere sulla vicenda ad agosto”.

DotCom dal canto suo, non si è mostrato però minimamente preoccupato, e sul suo nuovo account Twitter parlando dell’incontro con l’amico Woz ha cinquettato:

“È un grande uomo e soprattutto un grande sostenitore di Electronic Frontier Foundation (EFF) e sta cercando di aiutare gli utenti di Megaupload a riavere i propri file. Grazie Woz e EFF”.

Condividi questa pagina con i tuoi amici
|

Commenti

Altre Notizie PianetaTech, news di tecnologia
31 luglio 2014

Come sfruttare al massimo l’infinito numero di indirizzi email forniti da Gmail

Una cosa della quale probabilmente non tutti sono a conoscenza, è che una volta iscritti a Gmail, avrete a disposizione un numero virtualmente illimitato di indirizzi: questo accade per due semplici ragioni:... continua>
31 luglio 2014

La NASA realizza una mappa delle acque per monitorare la siccità

Sulla Costa Ovest degli Stati Uniti si sta verificando in questo mese una siccità che si aggrava di giorno in giorno. Per comprendere l’entità della crisi la NASA ha deciso di realizzare... continua>