Google Wallet per i pagamenti via cellulare in USA

L’attesa, almeno negli USA, è finita.

, infatti, ha ufficialmente presentato la nuovissima applicazione disponibile per il sistema operativo mobile Android, per effettuare i pagamenti nei negozi convenzionati tramite dispositivi mobili.

Si chiama Google Wallet ed ancora una volta rappresenta una scommessa che il colosso di Mouintain View intende fare e che probabilmente si rivelerà vincente come quasi tutti i progetti lanciati da Google.

Molte delle informazioni circolate in anticipo come rumors sono state dunque confermate: per ora il progetto partirò solo in alcune città statunitensi, ed attualmente Google ha stretto una partnership commerciale per questo servizio con alcuni circuiti per il  pagamento elettronico, ovvero Mastercard, First Data, Sprint e Citigroup.

Essendo in fase di start up, il progetto per ora vanta solo pochi accordi con dei gruppi commerciali statunitensi, ma nel giro di poco tempo, sicuramente Mountain View si adopererà per ampliare notevolmente le possibilità per i clienti che intendo sfruttare questo sistema.

Dal punto di vista tecnico, l’utilizzo è molto semplice: basterà avvicinare il telefono al terminale abilitato alle vendite (ovviamente occorre aver abilitato la propria carta di credito o conto corrente), digitare il Pin sul il proprio cellulare (evitando quindi finalmente la digitazione su apparecchi terzi), ed il gioco è fatto.

Googlw Wallet, lo ricordiamo, sfrutta la tecnologia .

Condividi questa pagina con i tuoi amici
|

Commenti

Altre Notizie PianetaTech, news di tecnologia
29 agosto 2014

Registrare video dal punto di vista del cane con una GoPro, grazie al nuovo supporto Fetch (video)

Grazie alla continua diffusione di telecamere sportive, capitanate dalla famosissima GoPro, da tempo siamo ormai in grado di realizzare video che mostrano punti di vista fino a prima inediti. Se però vi... continua>
29 agosto 2014

Nanobot in grado di combattere il cancro

I progressi della medicina moderna ci permettono di superare senza conseguenze molte malattie. Purtroppo però la cura di alcune gravi patologie rimane ancora una meta ancora lontana sebbene gli sforzi della ricerca... continua>