Pagamenti via cellulare, mPayment: accordo fra Vodafone e Visa

e , colossi rispettivamente della telefonia mobile e delle carte di credito, insieme per il progetto mPayment.

Grazie infatti all’accordo sottoscritto durante l’MWC 2012 in corso a Barcellona, sarà presto possibile effettuare pagamenti senza utilizzare denaro contante, semplicemente con il proprio smartphone.

La nuova piattaforma sfrutta semplicemente l’associazione fra una carta prepagata Visa (comprese le Postepay), e il proprio numero di telefono del gestore Vodafone. A quel punto, non sarà più necessario dover utilizzare i contanti, bancomat  o la stessa carta di credito, ma la transazione potrà essere portata a termine direttamente tramite il cellulare.

APPROFONDIMENTO: Pagamenti via cellulare: accordo fra Intel e Mastercard

Il progetto prevede il lancio del servizio in 30 Paesi, fra cui ovviamente l’Italia, ma inizialmente mPayment sarà attivo in Germania, Olanda, Turchia e Gran Bretagna. Il servizio sarà attivo e perfettamente funzionante anche con i tablet.

Il bacino d’utenza a cui si rivolge, solo per l’Europa, è di circa 400 milioni di abitanti.

Da tempo ormai il sistema di pagamento via mobile è al centro degli investimenti e delle strategie di sviluppi dei colossi della tecnologia e della telefonia. Nell’era del boom di tablet e smartphone, il business dei pagamenti con questi gioiellini può davvero rappresentare una miniera d’oro per i prossimi anni.

Condividi questa pagina con i tuoi amici
|

Commenti

Altre Notizie PianetaTech, news di tecnologia
31 luglio 2014

Come sfruttare al massimo l’infinito numero di indirizzi email forniti da Gmail

Una cosa della quale probabilmente non tutti sono a conoscenza, è che una volta iscritti a Gmail, avrete a disposizione un numero virtualmente illimitato di indirizzi: questo accade per due semplici ragioni:... continua>
31 luglio 2014

La NASA realizza una mappa delle acque per monitorare la siccità

Sulla Costa Ovest degli Stati Uniti si sta verificando in questo mese una siccità che si aggrava di giorno in giorno. Per comprendere l’entità della crisi la NASA ha deciso di realizzare... continua>