Blackberry Mobile Fusion per gestire smartphone e tablet RIM, Apple e Android

RIM ha vissuto un 2011 disastroso, a causa delle costanti perdite e dei problemi riscontrati dai propri device, come nel caso del famoso blackout che ha comportato il blocco delle connessioni internet e della messaggistica dei propri smartphone, con danni economici e d’immagine molto ingenti.

Nonostante gli esuberi siano ormai all’ordine del giorno, RIM ha deciso di credere fermamente nel futuro, e lo fra grazie ad una innovativa e interessante piattaforma, denominata Mobile Fusion.

APPROFONDIMENTO:  Tastiera fisica per il Playbook

Mobile Fusion permette agli utenti business di gestire con un’unica interfaccia e piattaforma non solo tutti gli smartphone e tablet , ma anche i dispositivi Apple e Android. Una novità importante che potrebbe rendere questo “esperimento” estremamente competitivo ed appetibile sul mercato.

Fra le funzioni disponibili,  la gestione di software e programmi, app, delle connessioni, di gruppi di utenti o gruppi di dispositivi, della sicurezza e della trasmissione di dati, e molto altro.

Grande attenzione per la sicurezza, con tutte le garanzie fornite dal sistema BlackBerry Enterprise Server (versione 5.0.3). Mobile Fusion è scaricabile gratuitamente con un periodo di prova di 2 mesi; i servizi di client e gestione hanno un costo per le licenze che varia a seconda del numero di dispositivi collegati, con un minimo di 99 dollari.

Condividi questa pagina con i tuoi amici
|

Commenti

Altre Notizie PianetaTech, news di tecnologia
29 agosto 2014

Registrare video dal punto di vista del cane con una GoPro, grazie al nuovo supporto Fetch (video)

Grazie alla continua diffusione di telecamere sportive, capitanate dalla famosissima GoPro, da tempo siamo ormai in grado di realizzare video che mostrano punti di vista fino a prima inediti. Se però vi... continua>
29 agosto 2014

Nanobot in grado di combattere il cancro

I progressi della medicina moderna ci permettono di superare senza conseguenze molte malattie. Purtroppo però la cura di alcune gravi patologie rimane ancora una meta ancora lontana sebbene gli sforzi della ricerca... continua>