Nokia: perdite per quasi 1 miliardo di dollari nel primo trimestre 2012

Un 2012 disastroso, almeno per i primi tre mesi, per .

Il colosso finlandese infatti ha chiuso il primo trimestre finanziario del 2012 con una perdita netta pari a 929 milioni di euro.

Il rosso, che era stato preannunciato dallo stesso gruppo finlandese la settimana scorsa in un profit warning, supera abbondantemente le previsioni degli analisti di Dow Jones Newswires, che avevano stimato una perdita pari a 554 milioni di euro.

Le vendite sono crollate del 30% e la perdita equivale a un rosso di 0,25 euro per azione durante il primo trimestre dell’anno in corso.

APPROFONDIMENTO:  La serie Lumia non convince l’Europa

Il CEO di Nokia, Stephen Elop, ha commentato i risultati tremestrali spiegando che quello attuale è un periodo di grande transizione per la società in un contesto industriale in profondo e repentino mutamento.

Le vendite degli smartphone sono scese del 52% a 1,704 miliardi di euro, a causa del ritardo rispetto ai rivali iPhone Apple e ai device basati sul sistema operativo Android. Nokia é infatti giunta soltanto nel 2011 ad un accordo con Microsoft per una nuova piattaforma Windows e a lanciare ad ottobre i primi terminali dotati del nuovo OS, ossia il Lumia 800 e il Lumia 710.

Ma basterà l’accordo con Redmond per risollevare le sorti del gruppo? Di certo Nokia deve decisamente orientare le proprie risorse vero il mercato di media e bassa fascia, dove Samsung ed Apple sono quasi assenti e dove invece i margini sono ancora molto ampi.

Condividi questa pagina con i tuoi amici
|

Commenti

Altre Notizie PianetaTech, news di tecnologia
31 agosto 2014

L’ingegnoso metodo con cui gli antichi egizi costruivano le piramidi

Le piramidi, migliaia di anni dopo la loro realizzazione, rimangono ancora uno dei misteri più difficili da spiegare per gli archeologi: come poteva un gruppo di uomini, per quanto numeroso, trasportare senza... continua>
30 agosto 2014

MSN Messenger chiude i battenti dopo 15 anni di storia (foto)

Si tratta di una notizia già nell’aria da tempo, e che dato l’inarrestabile avanzamento della nuova generazione di servizi di messaggistica istantanea era più che prevedibile, ma l’annuncio ufficiale della chiusura completa... continua>