Temple Run per Android: 10 milioni di download, arriva l’aggiornamento

Temple Run AndroidLa Imangi Studios ha reso noto che il suo Temple Run per terminali Android ha recentemente toccato quota 10 milioni di download.

Il team di sviluppo del titolo, per festeggiare e ringraziare i tanti giocatori che lo hanno reso popolare anche sulla piattaforma firmata Mountain View, ha rilasciato l’aggiornamento 1.0.2 che offre l’integrazione con Twitter e, quindi, la possibilità di condividere sul proprio profilo i migliori risultati ottenuti, nonchè il fix di diversi bug e la correzione di alcuni errori ortografici.

Il nuovo aggiornamento è disponibile gratuitamente su Google Play. Temple Run, disponibile sui device iOS, come iPhone e iPad e su quelli Android, permette al giocatore di mettere alla prova i propri riflessi aiutando il personaggio a sfuggire alle “scimmie demoni” correrendo lungo le mura di cinta un antico tempio.

L’obiettivo di questo action è quello di fuggire lungo dirupi a picco dopo aver rubato un idolo dal tempio, evitando ostacoli, raccogliendo monete ed acquistando potenziamenti.

Ancora una volta, dunque, un gioco relativamente semplice ma molto coinvolgente è riuscito a conquistare il favore del pubblico degli smartphone e tablet, un fenomeno sicuramente non nuovo e che non stupisce, considerando il vero e proprio boom di Angry Birds.

Foto Temple Run Android Clicca le foto per ingrandirle

Condividi questa pagina con i tuoi amici
|

Commenti

Altre Notizie PianetaTech, news di tecnologia
28 luglio 2014

La forcina per capelli più utile mai creata

Viviamo in un’epoca difficile, dove le difficoltà sono dietro l’angolo in ogni momento e non si sa mai cosa potrebbe accadere: se però siete persone che amano reagire ad ogni situazione, e... continua>
27 luglio 2014

Pilotare un Jaeger di Pacific Rim con Oculus Rift (video)

Sembra davvero un ottimo momento per Oculus VR, la società produttrice del dispositivo per la realtà virtuale Oculus Rift: oltre all’ufficializzazione, pochi giorni fa, dell’acquisto da parte di Facebook e alle recenti... continua>