BlackBerry Monaco, spuntano le prime immagini del nuovo smartphone RIM

BlackBerry MonacoIl sito di BGR ha pubblicato le prime immagini “rubate” di un nuovo della RIM, attualmente noto come Monaco nella versione con supporto alle reti CDMA dell’operatore statunitense Verizon.

Il BlackBerry Monaco, che quindi potrebbe chiamarsi BlackBerry Monza nella versione con supporto alle reti GSM europee (resta quindi un certo riferimento agli storici circuiti di Formula 1), dovrebbe essere spinto da un potente processore Qualcomm Snapdragon da 1.2 GHz, mentre il sistema operativo dovrebbe essere aggiornato alla nuovissima versione 6.1 del BlackBerry OS.

Foto BlackBerry Monaco Clicca le foto per ingrandirle

Oltre a 768 MB di RAM, il resto della scheda tecnica del BlackBerry Monaco dovrebbe quindi figurare l’ampio touchscreen da 3.7 pollici (risoluzione di 800 x 480 pixel), la fotocamera da 5 megapixel con funzione videorecording in HD, il modulo GPS integrato, la connettività 3G, Bluetooth e Wi-Fi con funzione hotspot mobile, e quindi gli inevitabili sensori di movimento e di ambiente.

Il sottilissimo BlackBerry Monaco, o BlackBerry Monza che dir si voglia, delle cui caratteristiche tecniche si parla già da alcuni mesi, dovrebbe essere infine ufficializzato dalla RIM nel corso del BlackBerry World di maggio. Vi terremo informati.

Guarda le foto BlackBerry Monaco

Foto BlackBerry Monaco

Prime immagini del BlackBerry Monaco, il nuovo smartphone della RIM che potrebbe chiamarsi Monza per i mercati europei.

Condividi questa pagina con i tuoi amici
|

Commenti

Altre Notizie PianetaTech, news di tecnologia
30 settembre 2014

Wolfram Alpha introduce il supporto ai tweet con Tweet-a-Program

Wolfram ha introdotto una nuova interessante funzione che permette ai conoscitori del Wolfram Language di realizzare delle funzioni da 140 caratteri. Per inviare il proprio algoritmo basterà inviare un tweet al profilo Tweet-a-Program... continua>
30 settembre 2014

Lo skateboard che vi ricarica il cellulare (foto e video)

Le nuove tecnologie colpiscono, prima o poi, tutti gli oggetti che siamo abituati a considerare come i più “tradizionali”: dopo gli smartphone, le biciclette e una lunga lista di dispositivi indossabili che... continua>