Microsoft: brevetto per smartphone a due display?

ha appena depositato presso l’USPTO, l’ufficio brevetti statunitense, una richiesta per ottenere la proprietà intellettuale di un’innovativa tecnologia che, tra gli innumerevoli campi d’applicazione, potrebbe portare alla realizzazione di device mobili dotati di doppio display, di cui il secondo si posizionerebbe nella parte opposta rispetto a quello principale, ossia sul retro di smartphone e tablet.

Il display secondario sarebbe tecnologicamente diverso da quello principale.

Lo schermo posteriore infatti dovrebbe essere a basso consumo energetico, poichè basato sulla tecnologia e-ink (inchiostro digitale), e potrebbe essere destinato a mostrare quasi esclusivamente informazioni di tipo testuale, come quelle presenti in una comune barra di stato con dettagli quali l’ora, il livello del segnale di rete e quello della durata della batteria.

Il display secondario potrebbe essere gestito da un processore dedicato, magari meno performante di quello principale, per non incidere sulla durata della batteria. Potrebbe dunque rimanere perannemente acceso, anche quando quello principale fosse in stand-by, consentendo di visualizzare le informazioni in qualsiasi momento, con evidenti benefici per l’autonomia dei terminali.

Per ora ovviamente si tratta solo di un brevetto, sul quale lavoreranno sviluppando prototipi, ma considerando la velocità di ricerca e sviluppo delle nuove tecnologie, i tempi potrebbero accorciarsi parecchio.

Condividi questa pagina con i tuoi amici
|

Commenti

Altre Notizie PianetaTech, news di tecnologia
31 luglio 2014

Come sfruttare al massimo l’infinito numero di indirizzi email forniti da Gmail

Una cosa della quale probabilmente non tutti sono a conoscenza, è che una volta iscritti a Gmail, avrete a disposizione un numero virtualmente illimitato di indirizzi: questo accade per due semplici ragioni:... continua>
31 luglio 2014

La NASA realizza una mappa delle acque per monitorare la siccità

Sulla Costa Ovest degli Stati Uniti si sta verificando in questo mese una siccità che si aggrava di giorno in giorno. Per comprendere l’entità della crisi la NASA ha deciso di realizzare... continua>