Brevetti Android: Microsoft cerca accordo con Huawei

Microsoft continua la sua opera di riscossione crediti in giro per il mondo. Questa volta ha allungato il piatto delle offerte all’azienda cinese Huawei, per chiedere che gli vengano riconosciute le royalties per l’utilizzo del sistema operativo Android.

Ma come, Android, non era di Google? Legittima domanda. I meno informati sappiano che alcuni codici contenuti in Android avrebbero violato dei brevetti posseduti da Microsoft e pertanto l’azienda di Redmond avrebbe stretto accordi con diverse aziende produttrici di smartphone, per garantirsi una percentuale sulle vendite dei dispositivi equipaggiati con l’OS open source.

Questa volta è toccato al colosso delle infrastrutture informatiche Huawei sentirsi bussare alla porta ed essere costretto a trattare, per evitare procedimenti giudiziari potenzialmente ben più pericolosi e onerosi.

Il gruppo starebbe dunque discutendo i termini dell’accordo con Microsoft, sempre desiderosa di ricordare ai propri interlocutori che, comunque, volendo, c’è anche Windows Phone come sistema operativo mobile da poter impiegare.

Dopo Samsung, HTC, Dell, HP, Toshiba e molte altre aziende il numero totale di coloro che pagano i diritti a Microsoft per l’utilizzo di un sistema operativo non proprietario potrebbe salire a undici. Se si considera poi che Huawei punta a divenire il quinto produttore mondiale di smartphone in tre anni e il terzo in cinque anni, si capisce perchè da Redmond si siano affrettati a mettere i puntini sulle i… le i di introiti.

Condividi questa pagina con i tuoi amici
|

Commenti

Altre Notizie PianetaTech, news di tecnologia
30 agosto 2014

MSN Messenger chiude i battenti dopo 15 anni di storia (foto)

Si tratta di una notizia già nell’aria da tempo, e che dato l’inarrestabile avanzamento della nuova generazione di servizi di messaggistica istantanea era più che prevedibile, ma l’annuncio ufficiale della chiusura completa... continua>
29 agosto 2014

Registrare video dal punto di vista del cane con una GoPro, grazie al nuovo supporto Fetch (video)

Grazie alla continua diffusione di telecamere sportive, capitanate dalla famosissima GoPro, da tempo siamo ormai in grado di realizzare video che mostrano punti di vista fino a prima inediti. Se però vi... continua>