Mercato smartphone: Android supera il 50%, iOS al 30% negli USA

ComScore:mercato smartphoneAndroid ha appena ottenuto la “maggioranza assoluta” per ciò che concerne il mercato degli smartphone.
Questo, stando agli ultimi dati diffusi in rete.

A pubblicare le ultime stime riguardanti tale settore e stato ComScore, il quale ha analizzato l’andamento del mercato statunitense negli ultimi mesi e pubblicato le relative rilevazioni.
E, in tale ottica, il sistema operativo di Google avrebbe pertanto raggiunto la “fatidica” soglia del 50,1%.

Con appositi dati trimestrali, sono stati quindi confrontati i valori ottenuti sia a fine novembre 2011 che a fine febbraio 2012.

Guarda le foto ComScore:mercato smartphone

Foto ComScore:mercato smartphone

Le immagini delle ultime rilevazioni ComScore, che indicano Android al 50,1% nel mercato degli smartphone degli USA.

In base ai più recenti, il sistema operativo di Google ottiene quindi, come detto, una fetta di mercato pari al 50,1%.

Al secondo posto si piazza (di Apple), con 30,2 punti percentuali.
Entrambi i sistemi operativi, rispetto alla precedente rilevazione (novembre 2011), hanno fatto segnare un trend di segno positivo (+3.2% per Android e +1.5% per iOS).

A seguire troviamo invece RIM (terzo a 13,4%), Microsoft (3,9%) e Symbian (1,5%).

Nella Galleria Fotografica del presente articolo i dettagli degli ultimi dati diffusi da ComScore.

L’articolo sul sito di ComScore

Condividi questa pagina con i tuoi amici
|

Commenti

Altre Notizie PianetaTech, news di tecnologia
31 agosto 2014

L’ingegnoso metodo con cui gli antichi egizi costruivano le piramidi

Le piramidi, migliaia di anni dopo la loro realizzazione, rimangono ancora uno dei misteri più difficili da spiegare per gli archeologi: come poteva un gruppo di uomini, per quanto numeroso, trasportare senza... continua>
30 agosto 2014

MSN Messenger chiude i battenti dopo 15 anni di storia (foto)

Si tratta di una notizia già nell’aria da tempo, e che dato l’inarrestabile avanzamento della nuova generazione di servizi di messaggistica istantanea era più che prevedibile, ma l’annuncio ufficiale della chiusura completa... continua>