Wii U, uscita in Europa il 30 novembre: prezzo base circa 260 euro

Nintendo WII ULa Nintendo sbarcherà nel mercato europeo il prossimo 30 novembre, ad una settimana di distanza rispetto al lancio americano.

La piattaforma di gioco della casa di Kyoto sarà proposta in due differenti versioni: il modello base denominato Wii U Basic Set dotato di 8GB di memoria interna, con GamePad, alimentatori e controller, HDMI e di colore bianco sarà acquistabile a 26.250 yen (260 euro) e la variante più avanzata, il Nintendo Wii U nel colore nero da 32 GB con stand per GamePad, sensor bar per il telecomando Wii, base di appoggio, una copia del titolo Nintendo Land e l’abbonamento al programma Nintendo Premium Network sarà disponibile a 315 euro.

Foto Nintendo WII U Clicca le foto per ingrandirle

I titoli la cui uscita è fissata per i giorni della commercializzazione della console saranno nove, mentre altri 30 arriveranno in una data ancora da definirsi, comunque sempre in prossimità del periodo di lancio.

Grazie alle funzioni TVii, che consentiranno di ricevere film e altre proproste video delle compagnie via cavo o satellitari. La nuova console del colosso nipponico sarà inoltre in grado di registrare contenuti che saranno poi visualizzati in seguito. Il servizio TVii tuttavia sarà offerto esclusivamente all’utenza statunitense.

Wii U presenterà un nuovo browser internet e sarà controllabile attraverso il GamePad, sia in modo touch che tramite pennino.

Condividi questa pagina con i tuoi amici
|

Commenti

Altre Notizie PianetaTech, news di tecnologia
29 agosto 2014

Registrare video dal punto di vista del cane con una GoPro, grazie al nuovo supporto Fetch (video)

Grazie alla continua diffusione di telecamere sportive, capitanate dalla famosissima GoPro, da tempo siamo ormai in grado di realizzare video che mostrano punti di vista fino a prima inediti. Se però vi... continua>
29 agosto 2014

Nanobot in grado di combattere il cancro

I progressi della medicina moderna ci permettono di superare senza conseguenze molte malattie. Purtroppo però la cura di alcune gravi patologie rimane ancora una meta ancora lontana sebbene gli sforzi della ricerca... continua>