Xbox 360: giudice Usa chiede il ritiro delle versioni S da 4gb e 320 Gb

Il giudice della Commissione americana International Trade (ITC), che si sta occupando del caso che vede Microsoft contrapposta a Motorola, ha chiesto il bando del modello S da 4GB e 250GB dal mercato statunitense per la violazione di 4 brevetti riguardanti la decodifica dei video depositati da Motorola.

Il giudice ha inoltre chiesto che il colosso di Redmond sia costretto a pagare una cauzione pari al 7% delle Xbox 360 ancora rimaste invendute in America. Microsoft ha commentato tale richiesta sottolineando che non fa l’interesse dei consumatori, dal momento che li lascerebbe nella condizione di dover scegliere esclusivamente tra le console casalinghe proposte da Sony e Nintendo, ossia tra PlayStation 3 e Wii.

APPROFONDIMENTO:  Xbox + Kinect a 99 dollari negli USA

Ma il giudice ha risposto a tale contestazione precisando che i diritti sul copyright devono essere sempre prioritari rispetto alle altre questioni, e che le due aziende concorrenti riusciranno a soddisfare la domanda extra dell’utenza.

Microsoft ha chiesto che la cauzione sia ridotta al 2,5%, mentre Motorola punta ad un rimborso totale del valore delle Xbox 360 ancora presenti nei magazzini. L’ultima parola comunque spetterà al presidente Barack Obama, il quale disporrà di 60 giorni per prendere una decisione in merito. Altrimenti, la palla passerà alla Corte D’Appello.

Condividi questa pagina con i tuoi amici
|

Commenti

Altre Notizie PianetaTech, news di tecnologia
1 agosto 2014

Tutto ciò che dovete sapere sul nuovo metodo di tracciamento online

“Il Web non dimentica mai”: questo era il titolo di un saggio nel quale alcuni ricercatori della Princeton University descrivevano a inizio anno il “Canvas fingerprinting”, un nuovo metodo di tracciamento online.... continua>
1 agosto 2014

In USA una mappa vi dice dove non far volare il vostro drone

La diffusione dei droni, anche tra i normali cittadini, sta sempre più aumentando e con questa anche i relativi problemi legati a privacy e sicurezza. In USA non c’è ancora una legislazione... continua>