Assassin’s Creed: Revelations – Storia e caratteristiche del gioco

Assassin’s Creed: RevelationsEzio Auditore torna a Masyaf, la cittadella degli Assassini, conosciuta nel primo episodio di Assassin’s Creed: qui si trova la biblioteca segreta di Altair e il nostro assassino spera di reperire le risposte ai suoi dubbi esistenziali. Purtroppo la città del “credo” risulta assediata dai templari bizantini ed Ezio deve comprendere qual è l’interesse dei suoi nemici per la biblioteca del suo antenato. Dopo alcune indagini scopre che in essa è stato nascosto un potentissimo artefatto, proprio da Altair, che qualora dovesse finire nelle mani dei templari rappresenterebbe un pericolo per l’Ordine degli Assassini e per il mondo intero. Ma per aprire la porta della biblioteca ed accedervi, sono necessarie cinque chiavi nascoste a Costantinopoli: quindi, per Ezio, le avventure e le peripezie proseguono.

La perlustrazione della città risulta notevole e molto interessante, soprattutto perché la grandezza della mappa da perlustrare, la quantità degli edifici, la densità della popolazione sono maggiori della Roma di Brotherhood. Sono presenti distretti (Costantino, Galata, Imperiale, Beyazid) diversi l’uno dall’altro e ricchi di dettagli straordinari, con luoghi e strutture realmente esistenti come la Torre di Galata, il Gran Bazar, la Basilica di Santa Sofia.

Foto Assassin’s Creed: Revelations Clicca le foto per ingrandirle

Il primo alleato di Ezio al suo arrivo a Costantipoli è Yusuf Tazim, il capo degli assassini locali, che fa da guida alla città fa conoscere al protagonista una serie di novità che ritroviamo nel corso di tutto il gioco e sono da supporto costante: la lama uncinata, la novità di questo capitolo, che facilita gli spostamenti, passando su tetti ed appigli vari; le bombe, suddivise in tattiche, letali e di distrazione, fondamentali per completare con successo alcune missioni, sono fabbricabili usando dieci tipi di ingredienti diversi e tre classi di polveri. In giro per la città ci sono dei punti in cui è possibile combinare gli elementi e realizzare le bombe.

Ezio, infine, ha adesso il Senso dell’Aquila, una versione della Vista dell’Aquila più potente in quanto permette di individuare le tracce a terra di un obiettivo nemico e vedere dove si sta dirigendo, vedere attraverso il fumo delle bombe fumogene, rintracciare un bersaglio in mezzo alla gente.

Come in passato, alla trama lineare che necessita di circa 15/20 ore per essere completata si affiancano una serie di missioni secondarie che richiedono più o meno lo stesso tempo, con nuovi elementi come la difesa strategica dei covi degli Assassini, in cui Ezio dispone i suoi compagni tiratori o arcieri in maniera da affrontare e battere gli attacchi massicci dei nemici o il “richiamo dell’assassino” che permette di chiamare gli altri appartenenti all’Ordine reclutati nel corso della storia.

Il gioco è arricchito dal ritorno di Altair, protagonista di flashback interattivi: nel dispiegarsi dell’intreccio scopriamo come è diventato un assassino e dettagli in merito al frutto dell’Eden. Invece, Desmond Miles rimasto imprigionato nell’Animus in un coma da eccessiva esposizione a questa tecnologia (vedere finale di Brotherhood), interagisce anche con il Soggetto 16 (assassino catturato dalla Abstergo Industries) e nel contempo ha la possibilità di essere impiegato per risolvere alcuni enigmi ambientali basati su effetti ottici, che a dire la verità, non sembrano particolarmente divertenti e non sortiscono alcun effetto di intrattenimento. La risoluzione di questi, però, permette di scoprire come alcune curiosità sulla vita di Desmond.

Il viaggio di Ezio non rimane confinato a Costantinopoli, perchè c’è una sequenza, la 7 per la precisione in una località sotteranea della Cappadocia.

Il gioco non presenta sostanziali novità rispetto al passato, ma per gli appassionati della serie rappresenta di certo un titolo da giocare per intero e che non delude assolutamente, soprattutto perchè pregno di significati, metafore e filosofie di vita. Ci si aspetta, però, per il prossimo capitolo (forse si chiamerà Assassin’s Creed 3?) qualche significativo aggiornamento per portare un po’ di “freschezza” ad un prodotto videoludico leggermente “stanco”.

1. Assassin’s Creed: Revelations – Recensione, multiplayer e immagini
2. Assassin’s Creed: Revelations – Storia e caratteristiche del gioco

Guarda le foto Assassin's Creed: Revelations

Foto Assassin’s Creed: Revelations

Assassin’s Creed: Revelations è il 4° titolo della serie. E’ un action adventure sviluppato da Ubisoft Montreal e pubblicato da Ubisoft per PS3, Xbox360 e PC, uscito il 15 Novembre 2011.

Condividi questa pagina con i tuoi amici
|

Commenti

Altre Notizie PianetaTech, news di tecnologia
31 luglio 2014

Come sfruttare al massimo l’infinito numero di indirizzi email forniti da Gmail

Una cosa della quale probabilmente non tutti sono a conoscenza, è che una volta iscritti a Gmail, avrete a disposizione un numero virtualmente illimitato di indirizzi: questo accade per due semplici ragioni:... continua>
31 luglio 2014

La NASA realizza una mappa delle acque per monitorare la siccità

Sulla Costa Ovest degli Stati Uniti si sta verificando in questo mese una siccità che si aggrava di giorno in giorno. Per comprendere l’entità della crisi la NASA ha deciso di realizzare... continua>