Server DNS: cosa sono e come cambiarli

Giuseppe Tripodi -

Anche se non siete esperti di tecnologia, probabilmente avrete già sentito parlare dei server DNS: magari quel vostro amico che ne sa qualcosa in più di informatica vi ha suggerito di cambiarli per provare a migliorare la qualità della navigazione.

Ma cosa sono questi server DNS? A cosa serve cambiarli? E, soprattutto, come si fa a cambiarli? Vediamo subito di fare un po’ di chiarezza.

Server DNS: Cos’è?

Come spiega anche Wikipedia, DNS sta per Domain Name System, ossia sistemi dei nomi di dominio e si tratta di un sistema utilizzato in tutto il mondo per collegare i nomi degli host (nodi di rete) ai relativi indirizzi IP, e viceversa. Se non ci avete capito nulla lo stesso, non temete, proviamo a spiegarlo un po’ meglio.

Quando digitate un indirizzo internet, come ad esempio smartworld.it o wikipedia.org, quel che il vostro browser deve fare è accedere ai server che contengono le relative pagine web (SmartWorld o Wikipedia, nei nostri esempi) e mostrarvele sullo schermo.

Tuttavia, i server che contengono SmartWorld o Wikipedia, non sono contraddistinti da un nome, ma da un Indirizzo IP: si tratta di una serie di numeri che indicano la reale posizione del server nel grande world wide web. Per “convertire” il nome in un indirizzo IP, la vostra richiesta passa quindi da un server DNS.

Potete quindi immaginare i server DNS come degli enormi registri che contengono ogni indirizzo internet e il relativo indirizzo IP.

Migliori DNS

Ma perché parliamo di “migliori” server DNS? Cosa cambia affidarsi ad un “registro” invece che ad un altro? Semplicemente, quando inviamo la nostra richiesta con un indirizzo web, un server DNS può rispondere più o meno rapidamente e il tempo che impiega a gestire la nostra richiesta influisce anche sulla velocità generale della nostra navigazione.

Nella maggior parte delle volte, se non avete cambiato i DNS, di default utilizzerete quelli del vostro ISP (Internet Service Provider), ossia, ad esempio, Telecom, Fastweb o qualsiasi altra società vi fornisca la connessione ad internet.

Tuttavia, come accennato prima, in linea di massima può essere una buona idea cambiare i DNS e di seguito elenchiamo alcuni dei migliori e più famosi.

DNS Google

Google non ha bisogno di troppe presentazioni e i suoi Google Public DNS sono certamente tra i migliori server DNS al mondo. Si tratta del più grande servizio di DNS pubblici al mondo, gestisce più di 70 miliardi di richieste al giorno ed è raggiungibile tramite i seguenti indirizzi:

  • 8.8.8.8
  • 8.8.4.4

OpenDNS

Si tratta di uno dei più famosi servizi del settore e venne lanciato nel 2006 da David Ulevitch; successivamente, è stato acquisito da Cisco, una delle più importanti società di networking al mondo. I server di OpenDNS sono raggiungibili a questi indirizzi:

  • 208.67.222.222
  • 208.67.220.220

Filtro famiglia tramite DNS

Se avete dei bambini in casa, i DNS possono fungere anche da filtro famiglia, ossia per evitare che i vostri figli navighino su siti con contenuti per adulti, come ad esempio pornografia, gioco d’azzardo e così via.

Come abbiamo già spiegato, i DNS sono una sorta di “registro” in cui vengono contenuti tutti i siti web e, per questo motivo, per chi gestisce un server DNS è facile isolare alcuni portali non adatti ai più piccoli.

Uno dei più famosi strumenti che funziona da parental control è il FamilyShield di OpenDNS: impostando i server DNS di questo servizio avrete tutta l’affidabilità e la velocità di OpenDNS, ma allo stesso tempo la certezza che i vostri figli non possano navigare su siti per adulti.

Gli indirizzi dei Server DNS del FamilyShield di OpenDNS sono i seguenti:

  • 208.67.222.123
  • 208.67.220.123

Come cambiare DNS

Veniamo dunque al punto e, dopo aver spiegato cosa sono i server DNS e quali sono i migliori, arriviamo alla parte più pratica: come cambiarli? Utilizzare i DNS di Google, di OpenDNS o di qualsiasi altro servizio vogliate è piuttosto semplice e vi spieghiamo subito come farlo, a seconda del sistema operativo che utilizzate.

Windows 7, Windows 8 e Windows 10

Nonostante siano tre sistemi operativi diversi tra loro, la procedura per cambiare i DNS su Windows è praticamente identica su Windows 7, Windows 8 e Windows 10.

La prima cosa da fare per arrivare alla schermata dalla quale è possibile modificare i server DNS è digitare Centro connessioni di rete e condivisioni nella barra di ricerca e cliccare sul primo (e unico) risultato.

A questo punto, accanto alla voce Connessioni troverete un’indicazione relativa al tipo di connessione alla quale siete connessi (nel nostro caso Ethernet, ma potrebbe esserci scritto Connessione rete wireless o altre voci del genere): cliccateci su.

Vi si aprirà una nuova schermata che riporta lo stato della connessione, cliccate sul tasto Proprietà in basso.

A questo punto, troverete un elenco degli elementi utilizzati dalla rete: scorrete la lista finché non individuate la voce Protocollo Internet versione 4 (TCP/IPv4), cliccateci su per evidenziarlo (ma non levate il segno di spunta!), quindi cliccate su Proprietà.

A questo punto, in basso, troverete il campo per cambiare i DNS: per prima cosa, selezionate la voce Utilizza i seguenti indirizzi server DNS:, quindi inserite gli indirizzi che avete scelto per il vostro server DNS preferito e quelli per il DNS alternativo. Badate bene che non è necessario utilizzare due server DNS che appartengono alla stessa società: nell’esempio che potete vedere qui sotto, ad esempio, abbiamo inserito come DNS principale quello di Google e in quello secondario quello di OpenDNS.

Prima di chiudere e dare l’OK, non dimenticatevi di mettere la spunta su Convalida impostazioni all’uscita.

Mac

Cambiare DNS su Mac è davvero molto semplice: per prima cosa, aprite le Preferenze di Sistema (note anche come Impostazioni), quindi selezionate la voce Network.

A questo punto, vi troverete davanti ad una schermata dove, sulla sinistra, trovate l’elenco di tutte le connessioni: selezionate quella a cui siete connessi (Wi-Fi, in questo caso) e cliccate su Avanzate.

A questo punto, selezionate il terzo tab, DNS, cliccate il tasto + che si trova sotto la colonna Server DNS e digitate gli indirizzi che preferite: nel nostro caso, ancora una volta, abbiamo scelto i server DNS di Google (8.8.8.8) e quelli di OpenDNS (208.67.222.222).