Come velocizzare Windows 10: una serie di consigli semplici ma efficaci

Lorenzo Delli -

Velocizzare Windows 10 – Windows 10 gira su più di mezzo miliardo di dispositivi. D’altronde i sistemi operativi di Microsoft sono da sempre i più diffusi, e la recente versione, grazie anche all’upgrade gratuito da Windows 8 e anche ad i tanti major update, sembra particolarmente apprezzato dall’utenza. Come ogni sistema operativo che si rispetti però, ha bisogno delle sue risorse per funzionare correttamente, e talvolta su PC più datati potrebbe dare qualche problema di troppo. Vediamo quindi un po’ di consigli su come velocizzare Windows 10 senza però compromettere le sue funzionalità.

LEGGI ANCHE: Come disinstallare driver da Windows 10 | Come avviare Windows 10 in modalità provvisoria | Come installare Windows 10 da zero | Come liberare spazio su Windows 10 | Come togliere la password a Windows 10

Windows 10 è lento

Se siete giunti in questa guida perché pensate che il vostro PC con Windows 10 sia lento, potremmo avere la soluzione che fa per voi. Abbiamo testato i consigli che trovate qui di seguito su un laptop che potremmo tranquillamente definire datato, un Dell Latitude E6440 con Intel Core i5-4300 (dual-core, 2.60 GHz), 4 GB di RAM e Intel HD Graphics 4600. Alcuni dei passaggi velocizzano realmente il sistema e anche l’interfaccia, rendendola più reattiva e di conseguenza più “utilizzabile”.

1. Riavviate il sistema di tanto in tanto!

Partiamo dal consiglio più ovvio di tutti, che poi è lo stesso che consigliamo con smartphone e tablet di ogni genere. Se tendete ad utilizzare con frequenza la sospensione del sistema invece dell’arresto, o se comunque tendete a chiudere il coperchio del vostro laptop senza spegnerlo, vi conviene di tanto in tanto riavviare il sistema. A cosa serve? È la stessa funzionalità a suggerirvelo: “Chiude tutte le app, quindi spegne e riaccende il PC“. Credete a noi, è un toccasana!

2. Date un boost alle prestazioni

Un consiglio valido soprattutto se usate un PC fisso o un portatile utilizzato prevalentemente con l’alimentatore attaccato. Ovviamente nulla vi impedisce di imparare il percorso per attivare o disattivare l’impostazione ed utilizzarla di conseguenza. In sostanza andiamo ad attivare le Prestazioni Elevate, che consentono al sistema di migliorare le prestazioni appunto utilizzando però più energia.

  • Sul desktop cercate il tasto Start e premeteci con il tasto destro del mouse
  • Cercate la voce Opzioni spegnimento
  • Dalla schermata che si aprirà dovete cercare e premere su Mostra combinazioni aggiuntive, il pulsante si trova alla destra della dicitura
  • Cercate la voce Prestazioni elevate e selezionatela.

Attenzione, alcuni PC di fascia bassa potrebbero non avere questa opzione. Se non la trovate, non ci rimane che passare agli altri consigli.

3. Eliminate le animazioni di troppo

Anche Windows 10, così come altri sistemi operativi, è caratterizzato da una serie di animazioni atte a rendere l’interfaccia più gradevole. Su sistemi datati (o comunque rallentati) è però preferibile ridurle all’osso, e per fortuna se sapete dove andare c’è modo di disattivarle in toto (o solo alcune). Vediamo come:

  • Premete con il mouse destro su Start e cercate Sistema
  • Sulla colonna di sinistra cercate Impostazioni di sistema avanzate e premeteci
  • Si aprirà il box denominato Proprietà del sistema, recatevi nel tab Avanzate
  • Qui cercate la voce Prestazioni e premete su Impostazioni
  • Dovreste già trovarvi nel tab Effetti visivi
  • Avete due alternative:
    • Premete su Regola in modo da ottenere le prestazioni migliori, disattivando tutte o quasi le animazioni
    • Premete su Personalizzate e rimuovete la spunta dalle caselle relative alle animazioni che non volete visualizzare
  • Quando avete deciso premete su Applica

4. Limitate l’auto-avvio dei processi

Alcuni dei programmi che installate o che utilizzate di frequente su Windows 10 hanno il brutto vizio di avviarsi automaticamente all’accensione del PC. Badate bene: alcuni software devono obbligatoriamente avviarsi all’avvio del sistema, come ad esempio il vostro antivirus di fiducia.

Altri invece potrebbero avviarsi anche senza che ne abbiate effettivamente bisogno. Ci sono due alternative: o vi mettete a controllare le impostazioni di tutti i programmi presenti sul vostro PC, o risolvete controllando da Gestione attività quali sono i processi che si avviano da soli. A tal proposito:

  • Premete con il tasto destro del mouse sulla Barra delle applicazioni
  • Cercate la voce Gestione attività, premeteci e, nel caso, premete anche su Più dettagli
  • Recatevi nel tab Avvio, qui troverete l’elenco dei processi che si avviano automaticamente

Se trovate qualche programma da voi conosciuto e volete disattivarne l’auto-avvio sarà sufficiente evidenziarlo e premere su Disattiva in basso a destra. Potreste anche trovare dei processi che non riconoscete: in tal caso fate molta attenzione, disattivare processi a caso potrebbe compromettere, e non migliorare, le prestazioni del sistema. Con un clic destro sul processo potete selezionare la voce Cerca online in modo da capire di che processo si tratti.

 

5. Tenete d’occhio i processi

Oltre ad auto-avviarsi, alcuni processi potrebbero occupare la CPU diminuendo le prestazioni generali del sistema. Il consiglio quindi è quello di sfruttare sempre Gestione attività per capire quali processi in esecuzione stiano effettivamente sfruttando la CPU:

  • Premete con il tasto destro del mouse sulla Barra delle applicazioni
  • Cercate la voce Gestione attività, premeteci e, nel caso, premete anche su Più dettagli
  • Recatevi nel tab Processi, cliccate sulla colonna CPU e se i processi visualizzati hanno 0% come risultato ripremeteci per ordinare diversamente la colonna

Anche in questo caso dovete fare attenzione. Non terminate processi senza sapere di cosa si tratta. Vale lo stesso consiglio di prima: clic destro sul processo, Cerca online. Se trovate qualche processo che potete chiudere in tutta sicurezza, premete in basso a destra su Termina attività.

 

6. Disattivate l’indicizzazione

Su Windows 10, così come sulle precedenti versioni del sistema operativo di Microsoft, è possibile effettuare ricerche piuttosto specifiche fra tutti i file presenti sul vostro computer. Per fare ciò si sfrutta l’indicizzazione dei contenuti presenti su disco, permettendo agli strumenti di ricerca di restituire più velocemente risultati. Tutto molto bello, ma per fare ciò sono necessarie risorse che, su sistemi datati, potrebbero risultare particolarmente preziose. L’indicizzazione comunque può essere disabilitata:

  • Apri Esplora File, se non lo trovate basta digitare il nome nel box di Cortana
  • Premete su Questo PC, e poi su C:
  • Clic destro su C:, cercate la voce Proprietà e recatevi nel tab Generale
  • Deselezionate la casella Consenti l’indicizzazione del contenuto e delle proprietà dei file di questa unità

C’è anche un altro sistema, che però consigliamo ad utenti un po’ più esperti:

  • Premete sulla barra di ricerca di Cortana e digitate Opzioni di indicizzazione, premeteci
  • Qui premete su Modifica e deselezionate o selezionate quali percorsi volete indicizzare e quali non.

Di contro, il sistema, disattivando l’indicizzazione… lavora senza indici, rallentando eventuali ricerche! A voi la scelta.

7. Tip di Windows? Chi ne ha bisogno?!

I consigli di Windows possono tornare molto utili se non avete esperienza con la più recente incarnazione del sistema operativo di Microsoft. Ma se siete utenti semi-esperti e non ne avete più bisogno, possono essere disattivati risparmiando risorse preziose.

  • Premete il tasto Start, spostate il mouse poco più in su e premete su Impostazioni (il simbolo a forma di ingranaggio), vicino a quello per spegnimento/standby del sistema
  • Selezionate Sistema, poi Notifiche e azioni
  • Sotto la voce Notifiche (effettuate uno scroll verso il basso) cercate la voce Ottieni suggerimenti durante l’uso di Windows e deselezionatela
  • Sempre sotto la voce Notifiche potete eventualmente disattivare altre voci che non ritenete necessarie.

 

8. Una bella pulizia dei file di sistema

Windows 10, così come altri sistemi operativi, ha bisogno che il disco di memoria di riferimento abbia un po’ di spazio libero per funzionare correttamente. Anche in questo caso c’è un tool di sistema che vi permette di fare un po’ di pulizia, eliminando file che potrebbero risiedere in memoria ma non essere utili. Vediamo come utilizzare il tool Pulizia disco:

  • Premete su Cortana e nella barra di ricerca digitate Disco, dovrebbe apparire la voce Pulizia disco; premeteci
  • Il sistema adesso calcolerà la quantità di spazio che è possibile liberare su disco C:
  • Come suggerisce la finestra di dialogo, “L’operazione potrebbe richiedere qualche minuto“. Abbiate pazienza!
  • Adesso potete premere su Pulizia file di sistema, potrebbe servirvi la password generale per poter proseguire
  • Inizierà una ulteriore analisi dell’hard disk (anche in questo caso potrebbero volerci minuti)
  • A questo punto dovreste avere davanti un elenco di file da rimuovere. Solito consiglio, dategli un’occhiata, con attenzione!
  • Se tra i risultati c’è Installazione precedente di Windows… beh, avete avuto fortuna! Rimuoverla potrebbe liberarvi un po’ di spazio utile

9. Malware e Virus sono vostri nemici

Così come il primo consiglio che vi abbiamo fornito, anche questo potrebbe suonarvi banale. Spesso però malware e virus possono dimostrarsi non solo pericolosi per la salvaguardia dei vostri dati, ma anche causa primaria dei rallentamenti del vostro sistema. A tal proposito vi lasciamo con un nostro approfondimento dedicato ai migliori antivirus gratuiti per Windows:

LEGGI L’APPROFONDIMENTO: Migliori antivirus gratis per Windows 10

POTREBBE INTERESSARTI

Via: PCWorld