Occhiali realtà aumentata Google Glass: nuove informazioni [FOTO]

Google Project GlassSergey Brin, co-fondatore di e Steve Lee, uno dei responsabili del Google X Lab hanno voluto rendere noti ulteriori dettagli sugli speciali occhiali per la realtà aumentata.

Brin è tornato a mostrare i suoi occhiali ”intelligenti”, dopo essersi fatto fotografare mentre li indossava ad un recente evento, prendendo parte al programma televisivo ”The Gavin Newsom Show”, trasmesso sul canale Current TV.

Sarà possibile scorrere tra i contenuti multimediali salvati nella memoria interna dei Google Glass semplicemente digitando con un solo dito, oltre che con la voce.

APPROFONDIMENTO: Arrivano gli occhiali di Google

Peraltro, si tratta della prima volta in cui Brin ha concesso ad una persona esterna al gruppo di indossare i Google Glass, ed è estremamente evidente come il conduttore del programma sia rimasto impressionato da quanto ha potuto visualizzare con i propri occhi.

Lee, intervistato da Fast Company, ha divulgato ulteriori informazioni circa il progetto. L’uomo di punta di Big G ha tenuto a sottolineare che l’interfaccia utente e le peculiarità mostrate nel video ufficiale di presentazione rappresentano gli effettivi obiettivi della società, la quale spera di introdurli già nella prima versione del dispositivo.

Date di uscita? Ancora top secret, ma di sicuro Google è a buon punto.

Guarda le foto Google Project Glass

Foto Google Project Glass

Nuova foto riguardante gli occhiali con realtà aumentata di Google

Condividi questa pagina con i tuoi amici
|

Commenti

Altre Notizie PianetaTech, news di tecnologia
1 agosto 2014

Sense, la sfera che si prende cura del vostro sonno (video)

Gli oggetti smart che sempre più frequentemente entrano nelle nostre case hanno l’obbiettivo di migliorare la qualità della vita, semplificando e aiutandoci in molte delle nostre azioni quotidiane. Fino ad adesso, però,... continua>
1 agosto 2014

Due ricercatori trovano una grave falla di sicurezza nelle porte USB

Sono anni che le porte USB ci permettono di scambiare dati tra dispositivi e utilizzare ogni tipo di periferica, il tutto, salvo per i classici virus da chiavetta, con un discreto grado... continua>