Tablet Windows 8: Intel svela i requisiti tecnici

ha svelato poche ore fa le principali peculiarità tecniche dei futuri tablet dotati di CPU Intel e basati sul debuttante sistema operativo Windows 8. La società di Santa Clara ha reso noto che il processore scelto per tali device è un Atom Clover Trail Z2760, un dual-core con tecnologia Intel Burst Performance e Hyperthreading.

Secondo il produttore il nuovo processore dovrebbe assicurare un’autonomia superiore alle nove ore, che quindi riuscirebbe ad egualiare quella dell’iPad di Apple e dei migliori terminali Android attualmente presenti sul mercato. Gli addetti ai lavori però sono scettici ed attendono di avere riscontri e dati reali per trarre le prime conclusioni.

APPROFONDIMENTO: Windows 8 sui tablet fra pochi mesi?

Nelle linee guida appena diffuse da Intel troviamo poi che si potranno realizzare tablet esclusivamente in due formati: con schermo da 10 e 11 pollici di diagonale, eventualmente ibridi e dotati di tastiere fisiche rimovibili.

Le tavolette non dovranno avere un peso superiore ai 680 grammi e uno spessore di massimo 9 millimetri. Dovranno disporre di connessioni 3G e 4G.

I tablet dovranno inoltre disporre dell’innovativo Wi-Fi Direct che permette di collegare fra loro device senza bisogno di un access point e la presenza dell’ormai gettonatissimo chip  NFC (Near Field Communication) per i pagamenti tramite dispositivo mobile.

Condividi questa pagina con i tuoi amici
|

Commenti

Altre Notizie PianetaTech, news di tecnologia
30 luglio 2014

Denny: la bicicletta del futuro automatica e sicura (foto)

Se abitate in città dovrete ammettere gli innegabili vantaggi portati dall’utilizzare una bicicletta per muoversi da un punto all’altro. Ma praticità e agilità non sono spesso sufficienti a bilanciare gli aspetti meno... continua>
30 luglio 2014

Inedite foto della missione dell’Apollo 11 per festeggiare i 45 anni dall’allunaggio (foto)

Raggiungere la luna, con i mezzi disponibili 45 anni fa, è stata sicuramente un’impresa più che titanica: ciò che non tutti sanno, però, è che l’opera ha richiesto un certo sforzo anche... continua>