Alluvione Thailandia: prezzi degli Hard Disk rimarranno alti fino al 2014

A ottobre del 2011 una violenta alluvione si era abbattuta sulla Thailandia e molti altri paesi asiatici, causando gravi ripercussioni sul mercato tecnologico mondiale.

In particolare in Thailandia l’alluvione ha causato centinaia di morti, lasciato milioni di persone senza casa e distrutto migliaia di stabilimenti che producono componenti per computer.

Nel distretto di Bangkoke, venivano prodotti buona parte degli hard disk di tutto il mondo, ma non solo, e hanno sede di produzione numerose aziende del settore tecnologico quali e oltre che Nikon.

L’alluvione ha distrutto questi stabilimenti, con annesse milioni di unità già assemblate, causando un brusco innalzamento dei prezzi degli hard disk (+28%) che tuttora si fa sentire, tanto che molti, tra cui Apple e Samsung, hanno puntato a una rapida adozione dei dischi SSD che per la maggior parte vengono invece costruiti in Cina e Korea del Sud.

Alcuni di questi stabilimenti sono parzialmente ritornati in funzione, ma la scarsa produzione non ha permesso ai prezzi di rientrare, se di poco, nei valori del 2011 e secondo alcuni analisti del mercato tecnologico, sembrerebbe che solo nel 2014 i prezzi ritorneranno allineati con quelli a cui eravamo abituati.

Condividi questa pagina con i tuoi amici
|

Commenti

Altre Notizie PianetaTech, news di tecnologia
1 settembre 2014

Come costruire il vostro Ice Bucket… Climatizzatore (video)

L’Ice Bucket Challenge è la campagna di sensibilizzazione verso la SLA (Sindrome Laterale Amiotrofica) che da mesi, oltre a sollevare una discreta attenzione su una malattia molto grave e aver aiutato nella... continua>
1 settembre 2014

Pixlr sfida Photoshop e affini rilasciando la versione desktop (video)

Pixlr è una popolare web app sviluppata da Autodesk,  che permette di usufruire di un programma di fotoritocco ricco di funzionalità, direttamente dal nostro browser preferito e in maniera totalmente gratuita. La... continua>