SanDisk Extreme Pro microSDHC UHS-I: le più veloci al mondo, caratteristiche e prezzo

SanDisk annuncia il lancio delle nuove Extreme Pro microSDHC UHS-I, le schede microSD maggiormente performanti presenti sul mercato per quanto concerne la velocità di lettura-scrittura. Le nuove schede SanDisk si distinguono per l’elevata velocità che riescono a supportare e per la capacità di gestire un considerevole traffico dati in ambito multitasking.

Il produttore precisa che le prestazioni migliori possono essere raggiunte sui device mobile che supportano la modalità UHS per quanto concerne lo slot microSD. Il modulo micro-SDHC è ideale per i tablet e gli smartphone di ultima generazione dal momento che propone una velocità di lettura e scrittura rispettivamente di 95 MB/s e 90 MB/s. Grazie al rating UHS Speed Class 1, le nuove proposte del gruppo statunitense permettono di registrare filmati Full HD con una fluidità senza eguali, aumentando le capacità di ripresa del terminale.

Per coloro che scaricano una notevole quantità di file, navigano su Internet e giocano, le microSD Extreme Pro assicurano una velocità superiore di accesso ai dati e tempi di risposta minori, nonchè il supporto ottimale all’elevata banda offerta dallo standard 4G LTE.

Le schede Extreme Pro microSDHC UHS-I firmate SanDisk per ora saranno commercializzate esclusivamente nella versione da 8 o 16GB rispettivamente a 59.99 e 99.99 dollari.

Condividi questa pagina con i tuoi amici
|

Commenti

Altre Notizie PianetaTech, news di tecnologia
29 agosto 2014

Registrare video dal punto di vista del cane con una GoPro, grazie al nuovo supporto Fetch (video)

Grazie alla continua diffusione di telecamere sportive, capitanate dalla famosissima GoPro, da tempo siamo ormai in grado di realizzare video che mostrano punti di vista fino a prima inediti. Se però vi... continua>
29 agosto 2014

Nanobot in grado di combattere il cancro

I progressi della medicina moderna ci permettono di superare senza conseguenze molte malattie. Purtroppo però la cura di alcune gravi patologie rimane ancora una meta ancora lontana sebbene gli sforzi della ricerca... continua>