Nuove schede video ATI: HD 7870 e HD 7850

AMD annuncia due nuove schede video della serie HD 7800.

HD 7870 e HD 7850 sono due schede di fascia media, progettate da ATI per competere in una zona di mercato dove, da qualche tempo, le schede con architettura NVIDIA fanno da padrone, cercando quindi di unire costo contenuto e performance di tutto rispetto.

Annunciate nello scorso dicembre, debuttano oggi, ma saranno acquistabili solo dal 19 marzo, data in cui verranno ufficialmente presentate al pubblico.

Queste due nuove schede, andranno a rimpiazzare negli scaffali le ormai esaurite schede 6900 impiegando tecnologie più efficienti tra cui PCI express 3.0. Malgrado i consumi di queste due schede siano sulla carta bassi, attestandosi attorno ai 70Watt, ATI assicura che le schede saranno facilmente overcloccabili, per la gioia degli appassionati sprovvisti di un budget elevato.

Entrambe le schede avranno a disposizione 2 GB di memoria GDDR5 e faranno affidamento sul processore grafico Pitcairn da 1 Ghz per la 7870 e da 950Mhz per la 7850.

Il prezzo di vendita partirà, per alcuni modelli, da 249 dollari, ma il prezzo finale come di consueto sarà determinato dalle migliorie che apporteranno i partners di ATI in possesso di una licenza, quali ad esempio; Asus, Gigabyte, XFX, MSI.

Condividi questa pagina con i tuoi amici
|

Commenti

Altre Notizie PianetaTech, news di tecnologia
29 luglio 2014

Foto subacquee artistiche, realizzate con uno scanner impermeabililizzato

Nathaniel Stern è un artista che ha realizzato una serie di fotografie davvero particolari; impermeabilizzando un normale scanner da ufficio e collegandolo ad un sistema di batterie è riuscito a “scannerizzare” alcune... continua>
29 luglio 2014

QUANT e-Sportlimousine, la prima auto a batterie di flusso approvata per la circolazione

La casa automobilista svizzera QUANT centra un importante obiettivo per la propria e-Sportlimousine, una elegante berlina fornita di un innovativo sistema di alimentazione: l’istituto TÜV Süd, società che fornisce certificazioni in merito alla... continua>