Google Chrome RAM

10 trucchi per velocizzare Chrome e per ridurre la quantità di RAM utilizzata

Lorenzo Delli

Trucchi Chrome – Se Chrome è il vostro browser predefinito, o più semplicemente, il vostro browser preferito, saprete meglio di noi quanto si possa dimostrare avido di risorse in più di un’occasione. Il consumo di RAM è talvolta spropositato e qualche trucco per ridurne il consumo, anche se banale, può sempre tornare utile.

Come se non bastasse, spesso anche a causa proprio della RAM occupata, Chrome tende ad essere particolarmente lento. Ecco quindi dieci trucchi volti proprio a velocizzare l’esperienza utente e a snellire il consumo smodato di RAM. Come accennato, alcuni potrebbero suonare banali, ma sono spesso le cose banali a sfuggire all’attenzione anche degli utenti più esperti.

1. Tenente aggiornato Chrome

È molto probabile, specialmente se fate uso di un laptop, che la sessione di Chrome sia attiva anche da diverse settimane. Proprio tale fattore potrebbe avervi fatto perdere un aggiornamento che potrebbe regalare nuova vita al browser, o che magari va a risolvere alcuni problemi legati a chissà quale dei tanti fattori che possono influire sulle prestazioni.

LEGGI ANCHE: 12 estensioni Chrome per tenervi produttivi e motivati!

Il pulsante menu “hamburger” posto in alto a destra cambierà di colore per notificarvi l’urgenza dell’aggiornamento, tenetelo d’occhio! Se poi volete controllare manualmente la presenza di aggiornamenti basta digitare nella barra degli url la stringa chrome://help.

2. Sbarazzatevi delle estensioni non utilizzate

Le estensioni sono ovviamente tra i punti di forza di Chrome, capita però di installarne svariate che poi raramente verranno effettivamente utilizzate. Beh, anche le estensioni contribuiscono ad aggravare la situazione fluidità/RAM, per cui è bene sbarazzarsi velocemente di quelle non utilizzate. Per disabilitarle o disinstallarle definitivamente potete digitare sulla barra degli indirizzi il seguente comando, chrome://extension,

3. Sbarazzatevi anche dei plug-in non utilizzati!

Solito discorso per i plug-in, potreste averne alcuni che proprio non utilizzate. Digitando chrome://plugins nella barra degli indirizzi potete controllare quelli attivi, consentirne o meno l’abilitazione o disabilitarli.

Plug-in Chrome

4. Controllate i tab con queste estensioni

Chrome genera un processo per ogni tab aperto. Si tratta di una caratteristica vantaggiosa che può comunque avere ripercussioni proprio sul quantitativo di RAM occupata. È possibile tenere a bada i tab utilizzando una delle seguenti estensioni per Chrome.

  • OneTab – Nel link trovate il nostro articolo di approfondimento
  • Tab Wrangler – Chiude automaticamente i tab inutilizzati e rende facile la loro riapertura
  • The Great Suspender – Sospende automaticamente i tab inutilizzati per liberare risorse di sistema

Ci sono tool anche più estremi, che non servono tanto a gestire i tab quanto ad alleggerire il carico di RAM occupata da ciascun tab attivo. Nulla vieta di usare una combinazione di estensioni (occhio però al punto 2. di questa guida).

  • Text Mode – Web senza distrazioni (e con meno RAM occupata), le pagine web sono composte da solo testo
  • Minimalist – Un tool piuttosto particolare e complesso che permette di personalizzare la propria esperienza utente in vari modi

5. Installate l’estensione Data Saver

Sapevate che esiste un’estensione per Chrome realizzata proprio da Google che, tramite l’utilizzo dei server di Google, diminuisce l’utilizzo di dati ottimizzando la navigazione delle pagine visitate? A rendere Chrome lento potrebbe benissimo essere anche la vostra connessione (in Italia non tutti hanno a disposizione ADSL così veloci). La trovate a questo link, ovviamente il download è gratuito.

Data Saver Google

6. Chiudete Chrome! (What?)

Sì beh, mai visto un consiglio più banale di questo! In realtà proprio per come funzione Chrome, se avete problemi di RAM vi conviene tenerlo chiuso ed aprirlo al momento giusto più che tenerlo aperto “Forever and ever“. In chrome://settings è possibile decidere, sotto la voce All’avvio, l’opzione Continua da dove eri rimasto.

7. Utilizzate il tema di default

Belli vero i temi personalizzati di Chrome? Purtroppo anche i temi possono essere responsabili di un ulteriore occupazione di RAM. Sempre dalle Impostazioni, alla voce Aspetto, c’è un bel tastone Reimposta tema predefinito. Dai che oramai siete troppo cresciuti per usare il tema di Batman! O forse no…

Tema Batman Chrome

8. Chiusura veloce di schede/finestre

Se nella barra degli indirizzi digitate chrome://flags trovate un lunghissimo elenco di funzioni sperimentali da attivare “a vostro rischio e pericolo”. Nulla di effettivamente pericoloso, ma attivare quella sbagliata potrebbe portare a peggiorare, invece di migliorare, la vostra esperienza utente. Tra queste funzioni vi è anche Chiusura veloce di schede/finestre, che permette di velocizzare Chrome permettendo al browser di processare il gestore dei JavaScript indipendentemente dall’interfaccia grafica. In questo modo velocizzeremo anche le operazioni di chiusura di schede o finestre. Una volta premuto sull’opzione comparirà il pulsantone blu Riavvia ora per poter rendere definitiva la scelta.

9. Pulite la cache

È lo stesso consiglio che si dà per la versione mobile di Chrome. La cache è molto importante, ma sta di fatto che non pulirla per svariati mesi può portare ad appesantire il tutto. Senza cercare l’apposita opzione nelle impostazioni, digitate nella barra chrome://settings/clearBrowserData e scegliete solo le Immagini e file memorizzati nella cache.

10. Provate Chrome Software Cleaner

Sapete che c’è un tool di Google per la rimozione di eventuali programmi malevoli che possono peggiorare (o rovinare completamente) l’esperienza utente su Chrome? Il tool in questione si chiama Chrome Software Cleaner, e lo trovate a questo link!

Fonte: ZDnet
  • Kratox

    ho 16 gb di ram, e li ho dal 2011… mi spiegate che me ne faccio di risparmiare ram?
    sarebbe molto piu utile che le vostre pagine sconsigliassero gli utenti di comprare ciofeche con win10 e 4 gb di ram, in modo tale che le case inizino a commercializzare solo 8 o 16 gb di ram anche nei portatili di fascia bassa (si trovano sotto i 500 euro portatili con 8gb, ma sono pochi e la gente non lo sa che con quella poca ram appena apre 2 video su youtube si pianta tutto….)

    • Stephen

      più che parlare di ram qui c’è da spiegare alla gente che non lo sa e che ha un pc lento e vecchio che è proprio il programma in se ad essere un macigno e non quei mega di ram occupati

    • Quindi se te hai 16 GB di RAM tutto il mondo deve averli? O_o non capisco questo genere di ragionamenti, io per dire lavoro tutti i giorni con un laptop che ne ha 8, non ho intenzione di cambiarlo a breve e sì, risparmiare un po’ di RAM non mi fa schifo. Imho vale la solita regola “non fare di tutta l’erba un fascio”.

      Se poi consideri che c’è chi gira con i laptop aziendali (noi in redazione abbiamo dei Dell con 4 GB di RAM, e ci uso Chrome sopra…).

      • Pisus

        Fra l’altro, parere personale, il vero problema dei pc di fascia bassa è l’HD meccanico che viaggia a 5400rpm più che 4GB di ram.

      • sgru

        intendeva dire che la ram già dal 2011 te la lanciano dietro