Addio Satoru Iwata, presidente e CEO di Nintendo

Lorenzo Delli -

Poche ore fa Nintendo ha annunciato la dipartita del suo presidente e CEO, Satoru Iwata. Era già da tempo che Iwata combatteva contro la malattia responsabile della sua morte, una patologia al dotto biliare che già nel 2014 lo aveva sottratto da alcuni impegni quali ad esempio l’E3.

Divenuto presidente di Nintendo nel 2002 sostituendo Hiroshi Yamauchi, storico presidente del colosso nipponico in carica dal 1949, Iwata ha condotto Nintendo al successo grazie alla famiglia di console portatile Nintendo DS e alla console Wii, forse una delle più innovative tra quelle della settima generazione.

LEGGI ANCHE: Il free-to-play è una menzogna, meglio “free-to-start” secondo Iwata CEO di Nintendo

Satoru Iwata non era però “solo” un presidente o un CEO di una società: era prima di tutto un programmatore, uno sviluppatore di videogiochi per la precisione che prima di entrare in Nintendo lavorava per gli HAL Laboratory, software house responsabile di serie quali Super Smash Bros. e Kirby. Iwata era però anche un videogiocatore:

Sul mio biglietto da visita, sono il presidente di una società. Nella mia mente, sono un programmatore. Ma nel mio cuore, sarò sempre un videogiocatore.

Satoru Iwata, Presidente e CEO di Nintendo

Recentemente abbiamo spesso parlato di Iwata proprio perché, da presidente della società, si trovava in prima linea in una delle novità che coinvolge, oltre a Nintendo, anche il publisher DeNA: il debutto dei giochi Nintendo su dispositivi mobili.

Fonte: Nintendo - Comunicato stampa