Apple inizierà a produrre chip per i suoi Mac al posto di Intel

Roberto Artigiani Secondo l'indiscrezione ci sarebbe un piano di transizione per i prossimi 3 anni.

L’agenzia Bloomberg ha raccolto la soffiata di un dipendente che ha voluto rimanere anonimo e la voce sta rimbalzando ovunque sulla Rete: Apple avrebbe un piano per sostituire i processori Intel attualmente usati nei laptop e desktop Mac con chip fatti in casa.

Apple già da tempo disegna e produce dei processori per alcuni suoi prodotti come iPhone, iPad e Apple Watch. E sono adottati anche in alcuni Mac, ma per svolgere compiti secondari, mentre la CPU continua ad essere fornita da Intel. Secondo le voci, entro il 2020 tutto ciò potrebbe cambiare.

Per ora non ci sono né annunci, né conferme, né smentite da parte di Cupertino. Senza elementi certi non possiamo che fare ipotesi, per cui la mossa potrebbe essere la base per una prossima unificazione dei servizi tra mobile e desktop, sulla scia di quanto Google sta cercando di fare da tempo.

LEGGI ANCHE: Disattivare il rallentamento del processore sui “vecchi” iPhone con iOS 11.3

Oppure più semplicemente potrebbe rappresentare un ulteriore prosecuzione della strategia che da sempre porta Apple a trovare soluzioni interne e che nel tempo ha reso l’azienda così speciale. In questo modo la società della mela morsicata potrebbe fare meno affidamento su fornitori terzi e si libererebbe dai cicli di rilascio di Intel.

In ogni caso si tratta di un investimento non indifferente in termini di ricerca e sviluppo. Ma se da un lato ci vorrà un bel po’ di lavoro per raggiungere i livelli di Intel e AMD, dall’altro permetterebbe ad Apple di differenziarsi decisamente dai suoi rivali nel campo dei computer come Dell, HP e Lenovo.

L’orizzonte temporale del cambiamento è comunque enorme per i rapidissimi tempi della tecnologia e tutto potrebbe cambiare in un battito di ali. Vi terremo informati sugli sviluppi.

Via: LiliputingFonte: Bloomberg