La beta pubblica di macOS High Sierra è disponibile al download

Edoardo Carlo Ceretti

Presentata a inizio giugno durante l’Apple WWDC 2017, la nuova versione di macOS, denominata High Sierra, è ora disponibile in beta pubblica per qualsiasi utente macOS che voglia già testare le novità in arrivo con la release definitiva. Naturalmente, trattandosi di una versione beta, ricordiamo che potrete incorrere in bug, instabilità e problemi vari, quindi vi consigliamo di installarla su un dispositivo (o partizione) secondario e solo se sapete ciò che state facendo.

I motivi per provare la beta pubblica di High Sierra sono molteplici e coincidono con le importanti novità che la nuova versione del sistema operativo di casa Apple porterà in dote. Su tutte, il nuovo file system sviluppato da Apple, denominato APFS (APple File System), già presentato lo scorso anno, ma che diventerà il nuovo standard a partire proprio da High Sierra, andando a sostituire HFS+.

LEGGI ANCHE: WWDC 2017: tutte le novità in un unico articolo

Un’altra importante novità di High Sierra è rappresentata dalle API grafiche Metal 2, che permetteranno il supporto ai dispositivi per la realtà virtuale (VR) e per le GPU esterne da collegare tramite USB di tipo C. Anche i formati di video e foto vedranno delle novità, con l’introduzione dei nuovi HEVC e HEIF.

Altre novità minori riguarderanno Safari, Photos e Siri. Insomma, si tratta soprattutto di novità non immediatamente visibili all’utente medio, al quale consigliamo di aspettare il lancio ufficiale per poterne godere i frutti definitivi e stabili. Nel caso voleste comunque procedere con il download, vi rimandiamo al link per l’Apple Beta Software Program.

Via: The Verge