internet italia

Canone Rai in bolletta, anche per chi ha solo internet (aggiornato con smentita)

Cosimo Alfredo Pina -

Se state leggendo questo articolo da casa vostra, sappiate che molto probabilmente sarete soggetti al nuovo decreto ministeriale riguardo il canone Rai. Chiunque sia in possesso di una TV o abbia accesso alla rete fissa dovrà infatti versare allo stato sei rate da 16,66€.

Secondo il testo della legge, i circa 100€ annuali saranno abbinati alla normale bolletta elettrica. Il tutto permetterà allo Stato di di recuperare fino a 2,5 miliardi di euro dovuti all’evasione.

Come accennato in apertura soltanto chi in possesso di un televisore o con accesso alla rete tramite linea tradizionale (sono escluse chiavette, tethering e SIM) dovrà pagare il canone, e comunque solo sulla prima casa.

Tutti gli altri potranno richiedere un’esenzione tramite un’autocertificazione inviata all’Agenzia delle Entrate e scalare la rata bimestrale dall’ammontare della bolletta. Le sanzioni per chi cercherà di eludere il sistema saranno di ben 500€ e potranno essere affiancante anche da accuse penali, in base alla violazione della legge sull’autocertificazione.

La legge è dunque definita, ma non è ancora chiaro quando sarà applicata; le stime parlano di una partenza ufficiale per il nuovo Canone Rai per il prossimo marzo 2016.

Aggiornamento 22/10/2015: In un’intervista rilasciata a Radio24 il sottosegretario Antonello Giacomelli ha smentito che “Non cambia nulla rispetto alla normativa attuale, almeno per il momento. Per il futuro vedremo”.

Quindi il canone sarà da pagare soltanto da coloro in possesso di una televisione, mentre decade il concetto legato alla connessione ad internet. Giacomelli ha infatti specificato “sono esclusi computer, tablet e smartphone”.

Resta invece valido quanto detto su modalità di pagamento, legata alla bolletta telefonica, valore del canone annuo, modalità di richiesta di esenzione e sanzioni.

Via: La Stampa