Novità per Chrome OS: quattro nuovi Chromebook supportano le app Android e avvistata la funzione Instant Tethering

Edoardo Carlo Ceretti

Sappiamo come il supporto di Chrome OS alle app Android sia in continua espansione, con tutti i modelli che usciranno nel 2017 già pronti per supportare nativamente il Play Store. Google sembra che stia mantenendo la promessa, è infatti notizia di oggi che ben quattro nuovi modelli di Chromebook sono pronti per il supporto alle app Android.

I modelli in questione sono l’Acer Chromebook Spin 11 (R751T), annunciato nello scorso gennaio ma non ancora reso disponibile (le sue particolarità sono la resistenza agli standard militari e la presenza di due fotocamere), l’HP Chromebook x360 11 G1 EE (dotato di processore Intel Celeron N3350 e vetro Gorilla Glass 3) e i Lenovo ThinkPad 11e e Yoga 11e (processore Celeron N3450 per entrambi). Per tutti questi modelli, il Play Store è disponibile soltanto nel ramo beta di Chrome OS.

LEGGI ANCHE: Gli aggiornamenti Android arriveranno prima sui Chromebook?

Un’altra novità per il mondo Chrome OS è ereditata ancora una volta da Android. Parliamo della funzionalità Instant Tethering, introdotta recentemente da Google sui suoi dispositivi Pixel. Questa funzionalità – che consente ad uno smartphone di condividere più facilmente la connessione dati del proprio Pixel o Nexus ad un altro dispositivo – è stata avvistata per la prima volta dai colleghi di Chromestory nel ramo Canary di Chrome OS ed è attivabile tramite i flag di Chrome selezionando ‘enable-tether‘.

Dopo avere attivato la funzione e aver riavviato il dispositivo, la voce Instant Tethering apparirà come un classico toggle nei Quick Setting di Chrome OS. Sempre Chromestory riporta che la funzionalità non pare funzionare correttamente al momento, d’altronde si tratta evidentemente di un semplice test da parte di Google in un ramo di sviluppo non stabile. Il fatto che Google stia lavorando per estendere l’implementazione di questa interessante feature rimane senza dubbio una notizia positiva.

Via: Android Police; 9to5Google