Google e VMware vogliono rendere i Chromebook macchine da lavoro

Cosimo Alfredo Pina

I Chromebook e più in generale i dispositivi basati su Chrome OS stanno avendo un certo successo, soprattutto in certi ambiti come l’education. Google prova a rendere interessante il suo sistema desktop cloud anche per il settore enterprise, con una collaborazione con VMware.

Il frutto più interessante di questa unione di sforzi è l’arrivo di Workspace ONE su Chrome OS. La piattaforma che permette di accedere in modo sicuro ad uno spazio cloud aziendale con programmi e file è quindi adesso configurabile anche su Chromebook e Chromebox.

LEGGI ANCHE: Le app Android su Chrome OS sono in ritardo

Secondo le analisi di mercato di IDC, il mercato dei Chromebook aziendali è in forte crescita: entro il 2018 si stima che il 25% delle aziende “Fortune 500” utilizzeranno dispositivi Chrome OS per i propri dipendenti, per a loro semplcità d’uso e l’approccio multiutente.

Quello aziendale è un mondo dominato perlopiù dai PC Windows; vedremo se la collaborazione con VMware, unita ai prezzi solitamente nella fascia bassa di questi dispositivi, riuscirà a fare breccia.

Fonte: Google