d-wave_exterior

Il computer quantico di Google è pronto a rivoluzionare il mondo del calcolo

Cosimo Alfredo Pina

Il computer quantico di Google funziona e secondo i primi test potrebbe rivoluzionare il modo in cui ci approcciamo al complicatissimo mondo della simulazione degli stati quantistici e non solo.

I test condotti dal team di Google e dalla NASA hanno dimostrato che D-Wave, questo il nome del dispositivo, è 108 più efficace nei calcoli di meccanica quantistica (quantum annealing) rispetto ai normali computer, che utilizzano algoritmi di simulated annealing.

Questo risultato oltre a sbalordire per i numeri dovrebbe provare che il computer quantistico di Google sfrutta meccaniche che abbandonano il dominio con cui si confrontano i classici processori basati sul silicio.

A frenare l’entusiasmo è però Google stessa che spiega che D-Wave sia effettivamente operativo e potenzialmente pronto ad affrontare anche problemi di interesse commerciale, ma anche come ci sia ancora lavorare molto per rendere i risultati facilmente interpretabili e applicabili al mondo reale.

LEGGI ANCHE: Grazie alla quantistica interconnettere i circuiti sarà più facile

Difficilmente i computer quantici soppianteranno i dispositivi convenzionali, sopratutto nell’ambito domestico e delle normali esigenze di calcolo; tuttavia questa branca dell’informatica sembra davvero essere il futuro soprattutto adesso che il limite imposto dalla dimensione dei transistor è sempre più vicino.

Come avrete capito il tutto non è così semplice, ma fortunatamente a fare un po’ più di chiarezza ci pensa il canale YouTube In a Nutshell – Kurzgesagt che nell’ultimo video pubblicato spiega in cosa i computer quantici siano diversi da quelli convenzionali e come questi potrebbero essere utilizzati.

Via: 9to5Google
  • Vincenzo Di Landro

    Quindi se inserisco il quaderno di matematica mi fa i compiti per me?

  • hidroman

    « Difficilmente i computer quantici soppianteranno i dispositivi convenzionali » mi sembra la classica frase che tra una ventina d’anni farà sorridere 🙂

    • Cosimo Alfredo Pina

      Speriamo 🙂

    • Davide

      stavo pensando la stessa identica cosa!

      “sai figliolo ai miei tempi i chip dei computer erano fatti in oro e silicio”
      “ahahah papi ma come facevate?? e magari mi dirai che per caricare il cellulare usavate dei cavi? dai non scherzare”