epson cartucce

Epson risponde alle accuse sulle cartucce della Stylus Pro 9900 (video)

Cosimo Alfredo Pina

Epson, che tra i suoi prodotti annovera anche stampanti dedicate al mondo della tipografia professionle, è stato recentemente al centro di un “piccolo” scandalo.

Una tipografia di Seattle avrebbe infatti accusato l’azienda di falsare i livelli di riempimento delle cartucce della stampante Stylus Pro 9900 per indurre alla sostituzione, nonostante all’interno si trovi ancora il 15/20% di inchiostro.

Epson si è sentita particolarmente colpita e ha risposto alle accuse con un comunicato ufficiale (rilasciato a Tom’s Hardware Italia e che trovate a fondo articolo) dove spiega in dettaglio il funzionamento del rilevamento del livello di inchiostro.

LEGGI ANCHE: Da HP quattro stampanti wireless, anche per lo smartphone, a partire da 60€

Grazie a due metodi, uno matematico e uno di lettura diretta, la stampante è in grado di capire quando una cartuccia non è più in grado di sopperire ad un ciclo di pulizia delle testine; operazione che danneggerebbe il dispositivo in mancanza di inchiostro.

Per questo viene spiegato che qualora il livello di una cartuccia sia inferiore al 15-20% deve essere sostituita, anche momentaneamente, con una cartuccia piena per effettuare il ciclo di pulizia.

La spiegazione ha senso, ma in effetti in ambito professionale, dove si hanno più stampanti da gestire (questo è il caso della tipografia di Seattle), l’operazione di sostituzione della cartuccia può diventare un intralcio significativo al flusso di lavoro.

La disponibilità di Epson nel fornire spiegazioni fa comunque ben sperare che i modelli futuri offriranno modalità di gestione degli inchiostri, magari basata su quella dei modelli entry-level a serbatoio, adatte anche agli ambienti più esigenti.



Epson Stylus Pro 9900 è una stampante professionale pensata per la stampa fotografica di grande formato e per riproduzioni d’arte su tela e altri supporti speciali larghi fino a 44 pollici. Come altre stampanti professionali di Epson, Stylus Pro 9900 è finemente calibrata per fornire costantemente un’elevata qualità di stampa.

Per garantire la qualità, Epson Stylus Pro 9900 utilizza due metodi per monitorare i livelli di inchiostro. Il primo sistema stima matematicamente il consumo calcolando la quantità di inchiostro consumato da una cartuccia in base al conteggio delle gocce emesse durante la stampa e la pulizia della testina. La stampante e la cartuccia utilizzano queste informazioni per visualizzare i livelli e inviare una segnalazione di “inchiostro in esaurimento”.

Questo avviso indica all’operatore che è arrivato il momento di ordinare una nuova cartuccia e si verifica di solito quando il livello di inchiostro si trova al 10-15%. Dopo questo avviso, la macchina può continuare a stampare normalmente fino a quando non si sia consumato tutto l’inchiostro disponibile. A questo punto verrà segnalata la necessità di cambiare la cartuccia con l’avviso di “inchiostro esaurito”.

Questo avviso è innescato da un secondo metodo – un sensore fisico all’interno della cartuccia – e non da un importo stimato. Il sensore si attiva quando il volume di inchiostro è diminuito a tal punto che ulteriori utilizzi potrebbero causare danni alla testina di stampa. Se viene avviato un ciclo di pulizia durante lo stato “inchiostro in esaurimento” e il livello di inchiostro rimanente nella cartuccia viene stimato da un calcolo matematico inferiore a quello richiesto per la pulizia della testina, la stampante segnalerà che “non c’è sufficiente inchiostro per completare il processo”.

L’inchiostro necessario per la pulizia è stimato conservativamente per assicurare che ce ne sia abbastanza per eliminare completamente eventuali ostruzioni nella testina e garantire la qualità di stampa. A questo punto deve essere installata una nuova cartuccia per completare la manutenzione della testina. È però importante segnalare che, dopo questo ciclo di manutenzione, la precedente cartuccia può essere reinserita e utilizzata fino all’avviso di inchiostro esaurito, quindi non è necessario gettarla via. Perciò il sistema di stampa di Epson Stylus Pro 9900 è conservativamente progettato con due metodi di rilevamento dei livelli di inchiostro.

Il segnale “inchiostro in esaurimento” non impedisce che l’inchiostro venga utilizzato fino al segnale di inchiostro esaurito. Nel caso in cui una pulizia della testina di stampa venga tentata dopo un segnale di inchiostro in esaurimento, può essere necessario per l’operatore sostituirla momentaneamente con una nuova cartuccia per l’operazione di pulizia per poi reinserire la cartuccia precedente e poter utilizzare l’inchiostro rimanente in un secondo momento.

  • Fotonic

    Notificare la cosa all’utente faceva schifo?
    O un ciclo di pulizia consuma il 15-20% di inchiostro?