Microsoft final

Le cose più belle dell’evento Microsoft: da Surface Studio al Creator Update

Cosimo Alfredo Pina -

Microsoft ieri sera ha tenuto il suo grande evento, sulle orme di quello dell’anno scorso dove aveva svelato Surface Book, Pro e i Lumia 950 con Continuum. Forse non avrà avuto lo stesso impatto ma di fatto le sorprese non sono mancate, sia sul lato hardware che su quello software.

Se ci avete seguito avrete già letto i nostri articoli sulle novità principali. Con questa rassegna vogliamo però fare il punto su quello che Microsoft ha svelato ieri sera, una lettura che i fan del colosso di Redmond e di Windows non vorranno perdersi.

Surface Studio

Microsoft Surface Studio_13

Partiamo da quello che senza dubbi è stato il protagonista dell’evento Microsoft di ieri sera, ovvero Surface Studio. Ha lasciato tutti ha bocca aperta il bellissimo all-in-one votato alla creatività e che si trasforma in un enorme tavoletta grafica da 28″, utilizzabile con Surface Pen.

Il lavoro di ingegneria posto su questo prodotto è notevole. I dettagli li trovate nell’articolo dedicato, ma vi basta sapere che questo PC monta il pannello LCD (tra l’altro ad alta risoluzione e precisione nei colori) più sottile al mondo (appena 13 mm) e che le cerniere a “gravità zero” permettono di posizionare lo schermo senza il minimo sforzo per capire quanto Microsoft ha ponderato questo dispositivo.

Come se non bastasse la componente hardware, di tutto rispetto, è racchiusa nella piccola base, alimentatore incluso. Il target del Surface Studio è quello dei professionisti della cretività digitale che però devono pagare caro per portare questo computer sulla propria scrivania. I prezzi oscillano infatti tra i 3.000 e i 4.200$.

Surface Dial

Surface Studio_17

 

Rimanendo sul comparto hardware un altro dispositivo che ha stupito è il Surface Dial, un nuovo mezzo di input mostrato di fianco al Surface Studio, ma in verità compatibile anche con gli altri Surface (fino al Pro 3) e tutti i PC Windows 10.

Si tratta fondamentalmente di una manopola wireless che offre un controllo rotante che ben si presta, ad esempio, all’editing di video e di foto. Immaginatelo in un flusso di lavoro di un fotografo che può utilizzarlo per applicare finemente gli effetti o in quello di un grafico per passare velocemente da un pennello all’altro. Inoltre offre anche un “clic”, come un pulsante di un mouse.

Rotazione e clic dovrebbero funzionare su tutti i PC Windows 10, ma sui Surface compatibili può essere anche appoggiato sullo schermo per accedere a feature più avanzate, ad esempio una palette dei colori da attivare al volo o altre regolazioni sul contenuto che si trova sotto il Dial. Un dispositivo concettualmente semplice (costa comunque 99,99$) ma che ha tutte le potenzialità per affiancare mouse e tastiera su tutte le scrivanie dei creativi.

Windows 10 Creators Update con Paint 3D

Windows 10 Creators Update_Paint 3D_11

Il prossimo grande aggiornamento di Windows 10, fino a ieri sera noto come Redstone 2, si chiamerà Creators Update. Arriverà nella versione stabile la prossima primavera e porterà feature in effetti molto incentrate alla creatività.

LEGGI ANCHE: Tutto quello da sapere su Windows 10

Queste ruotano intorno alla versione rivista dello storico software per la creazione di immagini integrato in Windows, che adesso diventa Paint 3D. Come ci suggerisce il nome questo è stato adattato per creare, modificare e gestire modelli 3D, addirittura anche con l’integrazione diretta per la stampa 3D.

Sul Creators Update non solo modellazione 3D, ma anche l’integrazione social di Windows People; i vostri contatti preferiti saranno messi a portata, sulla barra delle applicazioni.

App mobile per la scansione 3D

Windows 10 Creators Update_Paint 3D_8

Proprio per sfruttare a pieno le potenzialità di Paint 3D e dell’integrazione con le suite Office dei modelli tridimensionali, Microsoft ha mostrato un’app capace di scansionare e virtualizzare potenzialmente qualsiasi oggetto ci circonda con un semplice smartphone.

Il nome del software non è stato dichiarato ma, nonostante sia stato mostrato su un dispositivo Windows 10 Mobile, sappiamo che girerà anche su Android ed iOS.

Novità per gaming ed Xbox

Sul palco dell’evento di ieri sera spazio anche al gaming, uno dei settori più di successo di Microsoft. La novità più interessante in questo campo è quella dello streaming live effettuabile sia da PC Windows 10 che da Xbox. Una feature in chiave Twitch, ma ottimizzata anche per le cerchie ristrette di amici. Sarà infatti possibile scegliere con chi condividere la trasmissione.

Windows Holographic per tutti, con visori VR da 299$

visori ar Lenovo, HP, Dell, ASUS, Acer

Dopo aver fatto mostra le potenzialità di “Windows in 3D”, Microsoft è passata a su Windows Holographic, l’interfaccia di Windows 10 per realtà aumentata e virtuale; praticamente la stessa delle demo di HoloLens.

A tal proposito c’è stato un breve ma importante annuncio ieri sera: alcuni tra i principali produttori (Lenovo, HP, Dell, ASUS, Acer) offriranno a breve, anche se non c’è una scadenza definita, visori VR per PC da prezzi relativamente accessibili. Si parla di cifre a partire da 299$, decisamente meno di quanto serve per Oculus Rift o HTC Vive.

Niente Windows 10 Mobile

Concludiamo con il grande assente: Windows 10 Mobile. Non è un segreto che questo progetto non sia tra i più fortunati di Microsoft, tantopiù che il sistema operativo per Lumia non è stato neanche menzionato sul palco dell’evento.

È apparso brevemente un HP Elite x3, ma solo per mostrare le potenzialità dell’app per la scansione 3D. Possiamo quindi interpretare questo distacco come la fine del settore mobile di Microsoft? Forse anche se ovviamente non nell’immediato; resta comunque sempre aperta la possibilità di una ripartenza, magari con il vociferato Surface Phone dedicato al mondo professionale.