Firefox 52: pronto per le web app in C/C++ su desktop e qualche novità anche per Android

Cosimo Alfredo Pina

Arriva Firefox 52, la nuova versione del popolare browser che porta con sé diverse novità, le più interessanti su desktop ma qualcuna degna di nota anche su Android. Partiamo con quella principale ovvero il supporto sul canale stabile desktop a WebAssembly.

Di questa tecnologia ne avevamo parlato circa un anno fa quando faceva il suo debutto sui canali alpha/beta dei principali browser. Questa permette di eseguire software sviluppato con codice C/C++ direttamente nella scheda del browser, in questo caso Firefox, senza bisogno di plugin aggiuntivi.

WebAssembly permette di sfruttare meglio le risorse hardware e quindi una web app ben sviluppata che sfrutti questa nuova feature può girare tanto bene quanto lo farebbe se installata direttamente sul computer. I presupposti sono molto interessanti, ma starà agli sviluppatori realizzare esperienze web basate su questo strumento (qui una demo).

LEGGI ANCHE: WebAssembly trasformerà i browser in sistemi operativi 

Passando alle altre novità per la versione desktop di Firefox 52, troviamo una gestione facilitata dei captive portal. Quando vi connetterete ad una rete Wi-Fi che richiede l’accesso tramite interfaccia web, come quelle di aeroporti ed altri luoghi pubblici, Firefox vi aiuterà a raggiungere la schermata di login in caso il sistema operativo non lo faccia automaticamente.

A proposito di login, altra importante novità è quella riguardo i siti non HTTPS. Qualora si visiti un sito non criptato dove sia richiesto nome utente e password apparirà un chiaro avvertimento relativo alla non sicurezza, proprio sotto la casella di testo.

firefox-52-login-non-sicuro

Completa il tutto alcune migliorie dietro le quinte, dedicate agli sviluppatori, e la disattivazione di tutti i vecchi plugin basati su Netscape Plugin API, ad esclusione di Flash. A proposito dell’anacronistico plugin di Adobe, Mozilla ci fa sapere che nei prossimi mesi sarà implementato il blocco dei contenuti Flash, che dovranno essere esplicitamente attivati dall’utente, all’occorrenza.

Su Android invece le novità sono meno sostanziose, ma gli utenti apprezzeranno senz’altro un APK più piccolo di 5 MB (download più veloce e meno dati consumati dal Play Store) e i controlli della riproduzione di contenuti multimediali nella barra delle notifiche, utile se ad esempio si sta ascoltando musica da una pagina web, e alcune migliorie al comparto sicurezza.

Potete già scaricare Firefox 52 per desktop dal sito ufficiale, mentre su Android l’aggiornamento dovrebbe arrivare a breve, ovviamente sul Play Store.

Play-Store-badge

  • Marco Olmedi

    light il supporto C/C++

  • boosook

    Il ritorno di ActiveX… Ovvero di crash, virus e siti non multipiattaforma… No grazie.

    • Stai confondendo il concetto di software con qualcosa prodotto da Microsoft. Soprattutto un qualcosa prodotto anni fa..

      • boosook

        Appunto, pensavo si fosse capito che era una cattiva idea! 😀

        • Gabriele Di Bari

          E penso che tu non ci abbia campito un ciufolo.
          ActiveX altro non era che il download con la conseguente esecuzione di un applicazione remota.
          Questo non è la stessa cosa, semplicemente si sostisuisce Javascript con un linguaggio più semplice un bytecode/assembly sendbox tando quanto il JS di adesso.
          La differenza è che essendo un “meta assembly” invece che un “meta linguaggio di alto livello” è molto più leggero e snello.
          Prima si convertire il C++ in JS, usando una VM in JS chiama ASM.JS.
          Ora semplicemente si scrive direttamente in questo nuovo linguaggio (ideato per essere un linguaggio d’intermezzo e non per umani).
          Traduzione: è tanto sicuro quanto il Javascript che si è sempre usato.