Google rimuove e postpone le nuove restrizioni sui contenuti multimediali in Chrome

Roberto Artigiani

La versione 66 di Google Chrome è stata rilasciata nel canale stabile da quasi un mese, ma l’introduzione delle nuove regole per l’autoplay dei contenuti multimediali ha creato qualche problema, per cui sono state rimosse. Non sono più presenti dalla nuova versione 66.0.3359.181, disponibile per l’aggiornamento da ieri e Google ha dichiarato che verranno reintrodotte solamente con il rilascio della versione 70 previsto per l’autunno.

Quello che doveva essere un cambiamento più che benvenuto ha causato difficoltà a diversi siti e giochi che usano le API Web Audio. Tutti quei siti che usano tali API e non sono stati aggiornati alle nuove regole infatti hanno problemi di playback e risultano senza audio.

LEGGI ANCHE: Il picture-in-picture su Chrome

In ogni caso, la funzionalità non è stata rimossa del tutto e rimane attiva e valida per tutti quei siti che finora non hanno evidenziato difficoltà. Gli ingegneri di Google si sono comunque cosparsi il capo di cenere, ammettendo di non aver comunicato nel migliore dei modi l’impatto delle nuove restrizioni. Quindi per dare più tempo agli sviluppatori delle API per aggiornare il codice, il rilascio definitivo è stato rimandato.

Via: 9 To 5 Google