malware hack virus informatica phishing_1

Come usare lo strumento Microsoft che rimuove i virus da una chiavetta USB

Cosimo Alfredo Pina

Chiunque abbia messo mano ad un PC Windows si è trovato ad affrontare, più o meno direttamente, il problema di malware e virus. Ovviamente basta avere un minimo di buon senso per evitare questo tipo di problemi, ma non tutti sono così pratici da saper riconoscere le sempre meglio celate minacce informatiche.

Per questo esistono da tempo immemore soluzioni come i software antivirus che possono aiutare a prevenire problemi al computer; eppure nemmeno questi mezzi sono infallibili e può capitare di ritrovare il PC infettato anche usando protezioni aggiornate.

LEGGI ANCHE: Stanchi degli avvisi per aggiornare a Windows 10? Ecco come disattivarli!

Come ultima risorsa per recuperare un PC Windows 10 infettato da virus, Microsoft ha creato Windows Defender Offline un utile strumento gratuito da usare con una chiavetta USB.

Proprio per avere sempre a portata questo tool di sicurezza vi riportiamo in questa guida i semplici passaggi per realizzare una chiavetta USB con Windows Defender Offline da Windows.

Creare una chiavetta USB avviabile con Windows Defender Offline

Per procedere vi servirà un supporto esterno su cui installare WDO. Per praticità vi consigliamo di ricorrere ad una chiavetta USB da almeno 1 GB (tutti i dati su questa saranno cancellati), ma potete anche utilizzare un CD o un DVD.

  1. Come primo passaggio dovrete scaricate la versione del software adatta al PC su cui andrete ad operare:
  2. Una volta completato il download effettuate un doppio clic sul file (mssstool32.exe o mssstool64.exe)
  3. Si aprirà la finestra del tool per la creazione del supporto; premete avanti ed accettate la licenza d’uso
  4. Selezionate il tipo di supporto, tra chiavetta USB o disco, e proseguite
  5. Continuate selezionando il supporto e confermando la procedura che, nel caso di una chiavetta, cancellerà tutti i dati già presenti
  6. Lo strumento scaricherà i file di Windows Defender Offline e renderà la chiavetta avviabile

Avviare Windows Defender Offline da chiavetta

Se avete familiarità con l’installazione di sistemi operativi da chiavetta, forse avrete già confidenza con il vostro BIOS e il menu di boot, quello che vi permette di selezionare da quale dispositivo avviare il PC.

Questo è solitamente accessibile premendo uno dei tasti funzione (F1,F2,F3…), ESC o CANC, durante la fase di accensione del computer. Se il vostro sistema usa un BIOS UEFI dovrete procedere riavviando dai menu di Windows 10.

Dal menu Start premete su “Impostazioni”, “Aggiornamento e sicurezza”, “Ripristino”, “Avvio avanzato”; dopo il riavvio nel menu selezionate “Risoluzione problemi”, “Opzioni avanzate”, “Impostazioni Firmware UEFI” ed infine “Riavvia” per ritrovarvi nel BIOS del vostro computer.

A questo punto dovrete inserire la chiavetta, quella preparata con i passaggi illustrati nella precedente sezione della guida, in una delle porte USB del PC Windows 10 che volete recuperare con Windows Defender Offline e riavviare il PC.

Ad avvio completato vi ritroverete davanti una finestra del tutto simile a quella del classico Windows Defender dalla quale potrete avviare una scansione completa del sistema, durante la quale il software cercherà di individuare e rimuovere eventuali virus, malware e simili.

Completata questa procedura vi basterà chiudere il programma estrarre la chiavetta dalla porta USB (o il disco dal drive) e riavviare il PC.

A questo punto avete uno strumento portatile e pronto all’uso per “resuscitare” quasi tutti i PC Windows 10 infettati, ma ricordate che una volta preparata la chiavetta non sarà aggiornabile con le ultime definizioni e il consiglio è quindi quello di crearla da zero di volta in volta.

Fonte: Windows Central