prova windows 10_desktop e menu start_ 2

Insoddisfatti di Windows 10? Ecco come tornare indietro

Cosimo Alfredo Pina

Se avete un PC Windows relativamente moderno è molto probabile che nelle ultime ore siate già passati a Windows 10. Vi abbiamo già illustrato le principali novità portate dal nuovo sistema operativo Microsoft e di come questo si candidi come il “migliore Windows di sempre”.

Tuttavia non è detto che l’esperienza offerta da Windows 10 sia adatta a tutti. Fortunatamente Microsoft ha reso il tornare alla versione precedente di Windows una questione di pochi clic, che vi illustriamo con la seguente procedura:

  1. Aprite il menu Start e selezionate “Impostazioni”
  2. Dal pannello selezionate la voce “Aggiornamenti e sicurezza”
  3. Nella finestra successiva passate alla scheda “Ripristino”
  4. Qui troverete un semplice pulsante che vi permetterà di avviare la procedura per tornare a Windows 7 o Windows 8.1

Il tutto impiegherà qualche minuto dopodiché potrete tornare ad usare il PC. Alcune app e dati potrebbero andare persi e dovrete inoltre ricordarvi la vostre vecchie credenziali, dato che quelle di Windows 10 andranno perse.

LEGGI ANCHE: Ecco come Cortana vi aiuta ad usare Windows 10

Se non siete soddisfatti di Windows 10, tornare indietro non è dunque poi così difficile, ma ricordate che avete soltanto un mese di tempo prima che questa procedura venga bloccata.

Infatti Microsoft ha reputato che trenta giorni siano più che sufficienti per farsi un’idea sul nuovo sistema operativo e dopo questa scadenza sarà impossibile usare il ripristino integrato.

Tuttavia esistono anche strumenti di terze parti, anche gratuiti, che permettono di aggirare questo limite. Ad esempio con Macrium Reflect potrete fare un backup di Windows 7 o Windows 8.1 da ripristinare in qualsiasi momento, anche al posto di Windows 10; un’altra alternativa è EaseUS System GoBack Free, uno strumento totalmente dedicato al downgrade da Windows 10, senza limiti di tempo.

Via: CNET