intel core m evd

Intel Core M: l’architettura che cerca di conciliare performance con consumi

Cosimo Alfredo Pina

Quando si deve cercare di conciliare performance con consumo energetico, il tutto ruota intorno all’efficienza. L’alternativa Intel per i sistemi portatili che cerca di massimizzare l’efficienza, conciliandone i due aspetti, sono i processori della serie Core M.

Gli Intel Core M sono basati su un’architettura a due core (dual core) con Hyperthreading, 4MB di cache L3 e chip grafico HD 5300 (ottava generazione) il tutto con un TDP di 4,5 watt. I processori Core M sono disponibili in vari modelli che condividono la medesima struttura, ma offrono frequenze operative diverse:

Modello 5Y71 5Y70 5Y51 5Y31 5Y10c 5Y10a 5Y10
Numero core/thread 2 Core / 4 Thread
Frequenza CPU Base / Boost 1,2 GHz
2,9 GHz
1,1 GHz
2,6 GHz
1,1 GHz
2,6 GHz
0,9 GHz
2,4 GHz
0,8 GHz
2,0 GHz
0,8 GHz
2,0 GHz
0,8 GHz
2,0 GHz
Frequenza GPU Base / Boost 300 MHz
900 MHz
100 MHz
850 MHz
300 MHz
900 MHz
300 MHz
850 MHz
300 MHz
800 MHz
100 MHz
800 MHz
100 MHz
800 MHz
TDP (Thermal Design Power) 4,5 W 4,5 W 4,5 W 4,5 W 4,5 W 4,5 W 4,5 W
cTDP inferiore (Thermal Design Power configurabile) 3,5 W
600 MHz
No 3,5 W
600 MHz
3,5 W
600 MHz
3,5 W
600 MHz
No No
cTDP superiore 6,0 W
1,4 GHz
No 6,0 W
1,3 GHz
6,0 W
1,1 GHz
6,0 W
1,0 GHz
No No

Le tecnologie che caratterizzano gli Intel Core M come Turbo Boost 2.0 e il TDP configurabile (che permette di aggiustare la frequenza base della CPU) sono la chiave di questi processori che offrono ai produttori di tablet e dispositivi portatili la possibilità di creare la migliore combinazione tra consumo, prestazioni e spazio occupato dai sistemi di dissipazione.

LEGGI ANCHE: I nuovi processori Intel Atom ottimizzati per la domotica

Rispetto all’architettura Atom, i Core M mantengono la stessa struttura dei processori più potenti, quelli della serie i, offrendo in generale prestazioni migliori a parità di consumi; tuttavia i prezzi sono maggiori, (intorno ai 280$ rispetto ai 50-100$ degli Atom) e rendono questi processori più adatti a sistemi avanzati e costosi, come il nuovo MacBook 12 o il Lenovo Yoga 3 Pro.

L’offerta di Intel per i sistemi portatili non pecca certamente di scelta e questo (relativamente) nuovo tipo di architettura sembrano essere sempre più il futuro in grado di accontentare tutti coloro che cercano il meglio delle prestazioni nel minor ingombro possibile.

Via: AnandTech