intelligenza artificiale Go

L’intelligenza artificiale di Google che ha battuto il campione europeo di Go

Cosimo Alfredo Pina

DeepMind è una realtà, acquisita da Google, che si occupa dello sviluppo di intelligenze artificiali; durante il 2015 i suoi algoritmi ha dato diverse dimostrazioni di potenza e adesso torna alla ribalta grazie a Go, lo storico gioco da tavola.

Go gira intorno a regole piuttosto semplici ma che possono dare vita a partite molto complesse che richiedono strategia ed esperienza per essere vinte. La scacchiera di 19 x 19 posizioni può infatti ospitare fino a 2,08 x 10170 combinazioni e si dice che non sia mai stata giocata una partita a Go uguale alle precedenti.

Proprio sulla scacchiera di Go, DeepMind ha messo a segno un importantissimo record per la storia dell’intelligenza artificiale. AlphaGo, un sistema di IA specializzato nel gioco in questione, ha battuto il campione europeo Fan Hui.

LEGGI ANCHE: Google vuole battervi in tutti i videogiochi, con una IA che apprende

Per raggiungere questo importante traguardo DeepMind ha “addestrato” AlphaGo con algoritmi di deep learning appoggiandosi all’enorme database di KGS Go (30 milioni di posizioni) e giocando contro se stesso.

Il risultato è un “bot” capace di battere tutti gli altri sistemi artificiali 494 volte su 495 oltre che il già menzionato il campione europeo in carne ed ossa. Il prossimo step sarà quello di battere il campione mondiale in quello che DeepMind promette essere uno scontro storico quanto quello tra Kasparov e Deep Blue.

Per il momento il campo di applicazione di questo algoritmo rimane limitato dal gioco Go, dove potrà assistere chi si avvicina al gioco o soddisfare chi cerca un livello di sfida superiore, ma oltre all’aspetto ludico segna un’importante punto intermedio per il futuro dell’intelligenza artificiale.

Via: Venture BeatFonte: Google Research