pc final

Le vendite di PC calano del 13% nel primo trimestre, il minimo dal 2011

Cosimo Alfredo Pina -

Niente da fare, neanche nel primo trimestre del 2016 le vendite di desktop, notebook e affini non sembra riprendersi. Dopo il pessimo risultato del 2015, tornato indietro al 2008 in termini di vendite, nel Q1 2016 le cifre sono paragonabili a quelle del 2011.

La situazione era stata anticipata da Gartner e adesso Canalys, altra realtà specializzata in analisi di mercato, conferma il tutto. Le vendite nei primi tre mesi sono state di 101 milioni di unità, il 13% in meno rispetto al 2015, il volume più basso registrato dal Q2 2011.

LEGGI ANCHE: Nel 2015 mercato PC ai minimi dal 2008

In questa analisi il primo posto spetta ad Apple (sospettiamo un grande contributo dei tablet), seguita da Lenovo, HP, Dell e Samsung. Eppure nemmeno in cima al podio le cose vanno bene, con il colosso di Cupertino che ha registrato il 15% in meno di vendite, meno di 39 milioni di unità.

analisi mercato pc q1 2016

Secondo Canalys “il mercato globale dei PC ha avuto un brutto inizio nel 2016 ed è difficile avere speranze per il trimestre in corso”. In effetti i dati sono chiari e iniziano a riflettersi anche concretamente sul mercato. Una dimostrazione ci è arrivata qualche giorno fa con la razionalizzazione di risorse in casa Intel.

La speranza è però che proprio questo lungo periodo momento di crisi inizi anche a portare qualche vera innovazione su un settore che da troppi anni è fermo a poco più che le mere revisioni hardware.

Via: Venture BeatFonte: Canalys
  • Gianluca Guttilla

    Con “desktop” presumo vi riferite soltanto ai PRE-assemblati giusto??
    Perché a mio avviso i PC assemblati aumentano di più anno dopo anno, se a qualcuno viene solo l’idea di comprare un preassemblato e cerca consigli o pareri su internet non esiste nessuno che è a favore dei preassemblati e quindi difficilmente qualcuno li compra.
    I notebook sicuramente soffrono per l’avvento dei tablet 2 in 1, ma il gaming su PC è in continuo aumento (così come la gente che compra i componenti per assemblarne uno).