hacker fhd

Microsoft ha corretto la grave falla di Windows scovata da Google

Cosimo Alfredo Pina

Qualche giorno fa Google portava alla luce una grave falla nel kernel di Windows che, sfruttando (guarda caso)  Adobe Flash, permetteva a potenziali malintenzionati di assumer il controllo del PC, permettendo di accedere ai file ed installare programmi aggirando i sistemi di sicurezza.

Google, prima di rivelare la questione, aveva dato 10 giorni di tempo per tappare la falla, lasso di tempo evidentemente non sufficiente per il colosso di Redmond. Adesso gli utenti Windows possono tornare tranquilli, visto che con gli aggiornamenti mensili di sicurezza il bug è stato corretto.

LEGGI ANCHE: Google ha rivelato un bug di Windows e Microsoft non è contenta

Un bel sollievo, ma è Microsoft stessa a spiegare che il gruppo russo Strontium avrebbe approfittato del problema per elaborare un efficace sistema di phishing. Fortunatamente i casi sarebbero stati pochi casi e l’azienda ha specificato che chi aveva attivo Windows Defender Advanced Threat Protection o avesse navigato con Microsoft Edge, su Windows 10 Anniversary Update, è sempre restato al sicuro.

Tuttavia Terry Myerson, vicepresidente della divisione Windows, ha rimarcato il suo disappunto per la decisione di Google di rendere pubblico così rapidamente il problema. “La decisione di Google di divulgare queste vulnerabilità prima che le patch fossero diffuse è stata una delusione e ha messo gli utenti a rischio”.

Chissà se Google la prossima volta userà un trattamento di riguardo nei confronti di Microsoft; voi che ci leggete da Windows assicuratevi comunque di aver installato gli ultimi aggiornamenti.

Via: The VergeFonte: Microsoft