o-HACKING-BACK-facebook

Microsoft proteggerà i suoi utenti dai governi troppo “curiosi”

Cosimo Alfredo Pina

L’impegno di Microsoft verso la protezione dei suoi utenti si fa ancora più solido e concreto. A spiegarlo è Scott Charney, che con un post sul blog ufficiale spiega come il team di sicurezza Microsoft cercherà di proteggere chi utilizza i suoi servizi, anche da attacchi portati avanti dagli enti statali.

Gli utenti dei vari servizi Microsoft, praticamente chiunque utilizza un moderno PC Windows, sono già protetti da un sistema che li notifica in caso qualcuno abbia preso di mira le loro credenziali.

LEGGI ANCHE: Microsoft vuole estirpare la pubblicità malevola da Windows 10

Adesso il tutto si estende anche agli attacchi protratti dagli enti governativi, presumibilmente delle nazioni dove il concetto di libertà non è sempre garantito. In caso un account venga riconosciuto come a rischio furto credenziali sarà Microsoft stessa a notificare l’utente e ad aiutarlo a prendere provvedimenti in merito.

Charney ha inoltre colto l’occasione per ricordare alcune buone pratiche per aumentare il grado di protezione, in verità valide un po’ per tutti i tipi di account. Una mossa che gli utenti Microsoft apprezzeranno sicuramente e nella speranza di non vedere mai arrivare una comunicazione del genere, vi riportiamo le menzionate best practices:

  • Attivare la verifica in due step
  • Usare una password robusta, cambiandola spess
  • Tenete d’occhio l’attività sospetta sul vostro account
  • Non fidatevi di email e siti sospetti
  • Tenete aggiornato il sistema operativo e il software del vostro PC
Fonte: Microsoft