Microsoft Windows 10, la nostra prova (foto e video)

Nicola Ligas -

Ieri è stato il Microsoft Day, quello in cui tutto il mondo ha intasato i server dell’azienda di Redmond, che ha reso disponibile gratuitamente Windows 10 ai suoi più affezionati clienti.

Anche noi ci siamo messi in coda, l’abbiamo scaricato, l’abbiamo provato, ed abbiamo infine realizzato un video per mostrarvi quelle che sono le principali novità.

Per parlare di tutto ciò che di diverso c’è su Windows 10 ci vorrebbero delle ore, ma proprio per non appesantire troppo la trattazione, ci siamo concentrati solo su alcune aree in particolare.

LEGGI ANCHE: Come forzare l’aggiornamento a Windows 10

Anzitutto l’interfaccia, con il ritorno del menu Start, ma non solo, e con una maggiore attenzione al mobile ed al touch friendly. Abbiamo visto come personalizzarla, come attivare la modalità tablet ed anche (ma non fatelo!) come eliminare il menu start a vantaggio dell’interfaccia di Windows 8.

Abbiamo poi dato un’occhiata alle impostazioni di sistema, e visto come applicare alcuni cambiamenti all’interfaccia, e poi ci siamo spostati su Cortana, l’assistente vocale che debutta in grande stile, con una voce così naturale che sembra quasi di parlare con una persona vera (ovviamente durante la registrazione del video ha funzionato al peggio delle sue capacità NdR).

Infine: Microsoft Edge. Il nuovo browser che promette battaglia e che vanta un’ottima modalità lettura, una rapida (re)impaginazione dei contenuti, una buona gestione dei segnalibri, e che di certo non farà rimpiangere Internet Explorer.

LEGGI ANCHE: Focus su Windows 10

C’è insomma tanto potenziale, ma la prova più difficile per Windows 10 è appena iniziata: quella degli utenti. Avremo quindi senz’altro modo di riparlarne nei mesi a venire, di approfondirne la conoscenza in tutti i suoi dettagli, e quando sarà rilasciato Windows 10 Mobile, capiremo finalmente se Microsoft sarà riuscita a far quadrare un cerchio che finora nessuno ha chiuso a dovere.

Ma diamo tempo al tempo, e dedichiamoci quindi adesso a questa nostra prima prova, ricordandovi che potete approfondire l’argomento con tutti gli altri articoli dedicati a Windows 10. E se non foste soddisfatti, c’è sempre modo di tornare indietro.