apple drive

Nel Regno Unito il ripping diventa (nuovamente) illegale

Cosimo Alfredo Pina -

Con un andamento decisamente altalenante l’Alta Corte del Regno Unito ha nuovamente messo al bando il ripping di contenuti digitali, come CD e DVD. Infatti il diritto alla copia privata sarebbe stato messo al bando già nel 2011 per essere reintrodotto nel 2014.

La nuova decisione torna ad imporre il divieto, rendendo illegale qualsiasi copia di un contenuto protetto da copyright, anche nel caso si sia in possesso dell’originale.

Il UK Intellectual Property Office ha espresso estremo rammarico per questa decisione anacronistica spiegando come molti servizi e funzionalità “moderne” come iTunes Match, Google Play Music e anche qualsiasi tipo di backup sia potenzialmente illegale.

LEGGI ANCHE: Angelina Jolie dirigerà un film in esclusiva per Netflix

Ovviamente sarà impossibile rintracciare tutti coloro che più o meno consciamente hanno sui loro dispositivi digitali una copia dei propri dischi e film preferiti, come è anche improbabile che le autorità abbiano intenzione di perseguire una così grande fetta di popolazione.

Tuttavia la legge parla chiaro è non è improbabile che le aziende dovranno adeguarsi, magari disattivando funzioni e servizi, per evitare equivoci con il governo britannico.

Via: 9to5Mac
  • Mario I/O

    Assurdo. L’unico effetto è che con l’invecchiamento del supporto io perderò, previo accumulare lettori di diversi formati, il diritto alla fruizione di un prodotto regolarmente comprato.