windows cinese neokylin

Ecco Neokylin, il sistema operativo cinese ispirato a Windows XP

Leonardo Banchi

Se vi è mai capitato di viaggiare verso la Cina, o di informarvi su come il governo cinese gestisca il rapporto con la tecnologia, sicuramente sapete che la gestione totalitaria si riflette anche in questo ambito: la Cina ha infatti un proprio motore di ricerca (Baidu) alternativo a Google, dei social network alternativi a Facebook e Twitter e, da oggi, anche un proprio sistema operativo!

Neokylin è infatti stato sviluppato da China Standard Software per sostituire completamente Windows nel paese orientale, ma la scelta estetica operata dagli sviluppatori è quantomeno sorprendente: il sistema, infatti, assomiglia in tutto e per tutto a Windows XP.

LEGGI ANCHE: Finalmente revocato in Cina il bando alle console

Usando Neokylin, dopo aver immesso i vostri dati per il login trovereste infatti davanti a voi il classico desktop, corredato di barra blu sul lato inferiore e tasto verde. Poche le differenze anche nel menu start, che presenta un elenco dei programmi più recenti e scorciatoie per le cartelle e le funzioni più utili.

Ad arricchire l’offerta troviamo una suite “simil-Office”, e tutte le utilità che caratterizzavano il vecchio sistema di casa microsoft (sì, anche una versione di campo minato).

Le differenze più sostanziali si trovano in realtà sotto il cofano: Neokylin è in realtà una distribuzione di Linux (come si vede nel video a seguire, nel quale viene aperta una finestra di terminale), e condivide quindi molto poco con Windows. Non aspettatevi però l’apertura tipica dei sistemi Unix: yum, il normale software di gestione dei pacchetti è stato reso del tutto inutile, e installare Chrome sarà praticamente impossibile.

Via: Microsoft-news