prova windows 10_desktop e menu start_ 3

Focus Windows 10 e le principali novità: scoprite se aggiornare o aspettare (foto)

Cosimo Alfredo Pina -

I PC Windows di tutto il mondo si stanno aggiornando all’ultima versione del sistema operativo di Microsoft, probabilmente anche il vostro. Se però rientrate tra coloro che per scelta o per necessità non hanno avuto modo di provare Windows 10, vi riportiamo una rassegna delle principali novità della prima versione stabile.

Passare a Windows 10

Nelle settimane passate abbiamo ampiamente affrontato l’arrivo di Windows 10. Per passare al nuovo sistema operativo potete ricorrere a due metodi: tramite la procedura di aggiornamento (come nel nostro caso) o utilizzando l’immagine ISO ufficiale.

In entrambe i casi vi servirà un PC Windows 7 o Windows 8.1 con licenza valida e che soddisfi i requisiti minimi (li trovate qui sotto). Dopo qualche decina di minuti e una breve configurazione per impostare il proprio account, sarete pronti per entrare nel nuovo Windows 10, sfruttando la classica schermata di login o, nel caso aveste un PC compatibile, l’innovativo sblocco biometrico di Windows Hello.

Il passaggio a Windows 10 sarà gratuito per il primo anno (fino al 29 luglio 2016) dopodiché per installare il nuovo sistema operativo su un computer rimasto alle vecchie versioni, sarà necessario l’acquisto di una licenza.

Requisiti minimi per Windows 10

  • Processore: almeno 1 Ghz
  • RAM: 1 GB per i sistemi a 32-bit o 2 GB per quelli a 64-bit
  • Archiviazione: almeno 16 GB per i sistemi a 32-bit o 20 GB per quelli a 64-bit
  • Scheda Grafica: DirectX 9 (o successivi) con driver WDDM 1.0
  • Display: almeno 800 x 600 pixel

Destkop e menu Start

Con grande piacere per i nostalgici del classico desktop, la schermata Start di Windows 8 è stata rimpiazzata dal menu Start, un ibrido che permette l’accesso rapido alle app e alle Live Tiles, senza occupare tutto lo schermo.

A confermare il passo indietro di Microsoft (non necessariamente negativo) verso la scrivania anche il fatto che le Modern App, che su Windows 8 andavano a schermo intero, possono essere usate anche in finestra, permettendo di sfruttare al meglio gli schermi più grandi.

Tuttavia lo sguardo al passato non compromette l’innovazione portata da altre comode funzioni come il multi-desktop, il menu Start ridimensionabile, il centro per le notifiche e la rinnovata veste grafica caratterizzata da una lieve trasparenza e che offre anche la possibilità di cambiare il colore del tema.

Se rientrate nella schiera di coloro che hanno particolarmente apprezzato la schermata start di Windows 8, non temete, questa resta ancora attivabile.

Ad ogni schermo la sua interfaccia

Windows 10 è sì il nuovo sistema operativo per desktop e portatili, ma grazie ad alcune accortezze è pronto per adattarsi a praticamente ogni tipo di dispositivo. Continumm è infatti la funzione che trasforma l’interfaccia di Windows 10 per adattarsi da un uso con touchscreen a quello con mouse e tastiera.

Pensato per i sistemi convertibili, Continumm capterà quando il PC viene utilizzato con una tastiera, mostrando il menu Start, oppure in caso contrario si passerà ad una modalità orientata all’utilizzo con le dita, in stile Windows 8. È possibile commutare manualmente da una modalità all’altra anche dal pannello delle notifiche, sul bordo destro.

LEGGI ANCHE: Continuum: ecco come Windows 10 si adatterà ad ogni dispositivo

Le potenzialità di Continumm non sono limitate alla comodità; infatti fin dal suo annuncio la funzione veniva presentata come un modo per utilizzare qualsiasi dispositivo basato su Windows 10 (smartphone inclusi), connesso a schermo e periferiche, come un vero e proprio PC.

App integrate, Windows Store e retrocompatibilità

Rispetto a quanto visto, ad esempio, sull’ecosistema Apple, Windows è sempre rimasto indietro in termini di app integrate, che rendano il computer utilizzabile per le attività più comuni fin dalla prima accensione.

Con Windows 8 le cose sono iniziate a cambiare e adesso su Windows 10 si trova una ricca scelta di app pronte all’uso, per la gestione di foto, video, musica, calendario, email e tanto altro.

Ovviamente le funzionalità possono essere espanse con app e programmi di terze parti e a tal proposito il nuovo Windows Store vi metterà a disposizione una ricca raccolta selezionata ed approvata da Microsoft.

Rimane comunque possibile installare programmi anche da altre fonti ed è molto probabile che tutti i software che stavate usando su Windows 7 o Windows 8.1, funzionino senza problemi di compatibilità anche su Windows 10.

Con Edge potrete (forse) fare a meno di Chrome, Firefox ed affini

prova windows 10_desktop e menu start_ 4

Se siete dei navigatori abituali del web, sarete probabilmente già passati da Internet Explorer ad un browser di terze parti. Per recuperare coloro che hanno abbandonato la navigazione con un browser di Microsoft, arriva Edge.

Questo browser promette infatti un’esperienza di navigazione moderna e in piena linea con i più recenti standard, salvo (almeno per il momento) il supporto alle estensioni.

Un nuovo motore per il render delle pagine, un’interfaccia minimale ma efficace e anche qualche sorpresa, come la possibilità di scrivere a mano libera sulle pagine web, rendono la prova di Edge obbligatoria, anche se vi state trovando bene con la vostra attuale scelta.

Cortana: l’assistente virtuale arriva anche su PC

Assistenti virtuali come Google Now e Siri sono diventati parte integrante della quotidiana esperienza tecnologica. Grazie a Cortana, l’alternativa di Microsoft, questa componente arriva anche sui sistemi desktop.

Accessibile di fianco al menu Start o con il comando vocale “Hey Cortana”, potete usare l’assistente, per consultare al volo informazioni su meteo, impegni o semplici nozioni, cercare sul web tramite Bing oppure intrattenere spiritose conversazioni surreali.

Tra le possibilità più produttive rientra senz’altro quella di poter salvare un promemoria, note ed appuntamenti al volo senza importanti interruzioni del flusso di lavoro.

Aggiornare a Windows 10 o aspettare?

Ancora è presto per dare un giudizio finale al nuovo sistema Microsoft, per questo vi rimandiamo ad una nostra prova più approfondita che arriverà nei prossimi giorni. Tuttavia Windows 10 porta una discreta ventata di novità che conciliano in maniera ottimale il passato di Microsoft, con funzioni moderne come Cortana, centro notifiche e dektop multipli.

Se non avete particolari esigenze in termini di compatibilità e il vostro sistema rispetta i poco restrittivi requisiti minimi, il passaggio al nuovo sistema è più che consigliabile.