google foto picasa

Picasa si prepara a chiudere i battenti: “È il momento di passare a Google Foto”

Cosimo Alfredo Pina -

Lanciato da Google nel 2002, dopo la sua acquisizione da Lifescape, Picasa è stato uno dei primi progetti dell’azienda orientati al mondo delle foto. Adesso dopo 14 anni di servizio, Picasa e Picasa Web Album si avvicinano ufficialmente alla loro fine. A spiegarlo è il team di sviluppo in un post sul blog ufficiale.

Come i fan dei servizi Google potranno facilmente immaginare a spingere verso questa dipartita è stato Google Foto, l’innovativo servizio per la gestione delle foto anche da più dispositivi che si appoggia sul cloud di BigG e su tecnologie innovative come il deep learning.

“Dopo molto pensare e considerare abbiamo deciso di ritirare Picasa nei prossimi mesi, con l’obiettivo di concentrarci interamente su un singolo servizio per le foto, Google Foto”

Il team di Picasa promette ai suoi utenti di rendere la transizione a Google Foto, o ad altri servizi, il meno “traumatica” possible. Per questo il servizio Web Album inizierà ad essere interrotto solo dal 1 maggio 2016. Dopo questa data sarà comunque possibile accedere agli album, per consultarli, scaricarli od eliminarli.

LEGGI ANCHE: Google Photos è ufficiale: senza + ma con molto in più!

Per la gestione completa, come la creazione di nuovi album, sarà necessario passare il tutto a Google Foto, dove gli utenti ritroveranno i propri scatti. Lo sviluppo dell’app desktop Picasa sarà invece interrotto già dal prossimo 15 marzo; ovviamente chi l’ha già installata potrà continuare ad usarla, ma dalla data indicata non saranno rilasciati altri aggiornamenti.

Picasa non è certamente stato uno dei prodotti più di successo e integrati in arrivo da Mountain View e forse proprio per questo che è nato Google Foto. Se siete utenti Picasa potete stare comunque stare tranquilli.

Il team rassicura che le foto dei suoi utenti non sono a rischio, del resto si trovano sui server Google, ma la spinta a passare al nuovo servizio è forte e se fino ad oggi avete rimandato la migrazione, i prossimi mesi potrebbero essere la volta buona per dare una chance al ben più moderno Foto.

 

Fonte: Google Photos
  • Picasa non è morta per mancanza d’utenti (l’applicativo è fatto abbastanza bene), ma perché lo vuole G.
    Mai fatta una versione mobile dell’app, sviluppo della versione desktop “una volta ogni Papa dimissionario” (a parte agli inizi), e il fatto che ai tempi non avessero praticamente concorrenza (imageshak si è suicidato chiudendo server su server), ha portato a un buon applicativo con una bassa base i utenti.
    Ma se le cose le fai “ad minchiam” (e G Foto è molto, molto peggio di Picasa), non pensare di poter avere utenti.

    • viky

      Oggi ho perso ò’interfaccia di Picasa e mi sono ritrovato a gestire le mie foto con Gfoto. Non c’è confronto: molto peggio di Picasa! Si punta agli effetti speciali ma la sostanza è che la completezza e l’immediatezza della gestione è sparita. La funzione “organizza” di picasa è diventata un trascinamento di grosse immagini. Se hai molte foto e vuoi mettere in testa quelle appena caricate è uno stress! Ancora in “organizza” è sparita la funzione copia/sposta in altro album (io almeno non l’ho trovata). Speriamo che le cose migliorino. La gestione con quelle grosse immagini è pesante e dispersiva.

  • Danilo_BB

    E’ bello passare a Foto e lasciare in sospeso i casini in Picasa Web Album che hanno fatto in Google … Tanto poi c’è l’assistenza …Mah …