Quora arriva ufficialmente in Italia: un po’ social, un po’ Wikipedia

Giuseppe Tripodi

Chi naviga in rete da abbastanza tempo conoscerà sicuramente Quora, piattaforma per domande e risposte che rappresenta il punto di riferimento (almeno nel mondo anglosassone) per chiunque cerchi risposte precise e autorevoli.

Dopo il lancio in beta qualche mese fa, adesso Quora è ufficialmente disponibile anche in italiano. Questa piattaforma, fondata nel 2009 da Adam D’Angelo (ex CTO di Facebook) si pone come obiettivo la diffusione della conoscenza nel mondo, e lo fa con un sistema decisamente interessante: volendo azzardare, lo definiremmo un riuscitissimo mix tra Yahoo! Answer, un social network e Wikipedia.

LEGGI ANCHE: Wikipedia imparerà a parlare grazie questo gruppo di ricercatori

Tutti possono porre domande su Quora, su qualsiasi argomento: la piattaforma, poi, indirizza i quesiti alle persone competenti in materia (basandosi su lavoro svolto e titoli di studio conseguiti, ma anche sulle risposte date in precedenza) e, tra tutte le risposte date, quella con più feedback positivi viene messa in evidenzia in alto.

Per questo motivo, Quora è famosa per le risposte competenti e argomentate, anche considerando che partecipano al social network parecchie personalità di spicco (per la versione inglese, tra i tanti, anche Hillary Clinton, la scrittrice Gloria Steinem o il professore ed Ministro dell’Economia greco Yanis Varoufakis).

Per partecipare a Quora, non vi rimane che iscrivervi e chiedere/rispondere: potete farlo sul sito ufficiale o tramite le app Android e iOS, scaricabili dai badge qui sotto.

Quora, la piattaforma di domande e risposte, lancia la versione in italiano

  • Quora è stata fondata nel 2009 da Adam D’Angelo, che in precedenza aveva ricoperto il ruolo di CTO di Facebook. La mission di Quora è condividere e far crescere la conoscenza nel mondo.
  • Attualmente la piattaforma conta più di 200 milioni di utenti unici al mese.
  • Dopo il successo della fase Beta, la versione di Quora in Italiano ora è aperta al pubblico e tutti possono accedervi.

 Milano, 6 luglio 2017 – La piattaforma di domande e risposte annuncia il lancio della versione di Quora in Italiano. Quora è ora disponibile in italiano e accessibile a chiunque desideri porre domande, condividere la propria conoscenza e imparare dagli altri a comprendere meglio il mondo. 

La mission di Quora è quella di condividere e accrescere la conoscenza nel mondo. La maggior parte del sapere non può essere fruito online dal pubblico, ed è per questo che Quora sta costruendo una piattaforma dove le persone possono condividere ciò che sanno riguardo milioni di argomenti.

Lanciata in inglese nel 2010, la piattaforma è cresciuta fino a raggiungere 200 milioni di utenti unici al mese, provenienti da ogni parte del mondo. Più della metà, infatti, sono originari di Paesi diversi dagli Stati Uniti, e molti di loro sono italiani.

Da quando è stata lanciata, Quora ha attirato personalità di spicco ed esperti che hanno risposto a ogni genere di domanda posta dagli utenti della community e hanno messo a disposizione conoscenze che prima non erano disponibili. Tra questi, persone famose come Hillary Clinton, la scrittrice Gloria Steinem, l’ex Ministro dell’Economia greco Yanis Varoufakis o Sheryl Sandberg, COO di Facebook.

Il CEO di Quora Adam D’Angelo è stato il primo Chief Technology Officer di Facebook, ma ha deciso di lasciare l’azienda nel 2008 per fondare Quora e seguire la sua vision: creare un luogo dove le persone potessero condividere online il loro sapere ed entrare in contatto con coloro cui questo servisse.

“La nostra mission è quella di condividere e accrescere la conoscenza del mondo. Stiamo costruendo una piattaforma dal contenuto di alta qualità ed è meraviglioso vedere le persone registrarsi e contribuire da Paesi diversi dagli Stati Uniti.

Ci sono molti utenti che parlano italiano e utilizzano Quora in inglese, per questo sapevamo che lanciare Quora in italiano avrebbe contribuito ad accrescere la partecipazione ancora di più”, ha commentato Adam D’Angelo, CEO e Co-Founder di Quora.

A maggio, Quora ha lanciato la versione beta in italiano con una piccola community di utenti attivi. In soli pochi mesi la piattaforma è cresciuta attraverso contenuti di qualità offerti da personalità di diversi settori come scienziati, insegnanti, executive, giornalisti e politici. Tra gli altri ci sono Claudia Boscolo, insegnante e saggista a Trento; Nicola Catena, CEO di Square;Marco Brando, giornalistaFrancesca Tibaldicampionessa di Ironman.

In questi mesi  sono stati aperti thread di conversazione su argomenti diversi come i posti più belli da visitare nel Montenegrola sicurezza dei veicoli a guida autonoma dalla prospettiva di un ex dipendente Tesla, come l’Italia può risolvere il debito pubblico, un software engineer ha parlato delle differenze tra i linguaggi di programmazione e molto altro.

Come funziona Quora

Su Quora, le persone possono fare domande su qualsiasi argomento. Poi, Quora le pone alle persone che hanno la possibilità di fornire risposte di qualità e utili, basate sulla loro competenza ed esperienza relative all’argomento. Più una persona utilizza Quora scrivendo risposte, seguendo argomenti e utenti, più Quora è in grado di personalizzare la sua esperienza sulla piattaforma.

Quora può offrire risposte utili alle domande basandosi sulla qualità degli autori che rispondono sulla piattaforma, sui feedback che ricevono dagli altri utenti della community e sulle funzionalità del prodotto che assicurano credibilità. Inoltre, grazie alla policy che indica di utilizzare il proprio nome reale su Quora, il livello di integrità e fiducia che le persone hanno nelle risposte aumenta. Le identità su Quora sono un’estensione di chi si è nel mondo reale.

Quora vanta anche la policy “Be Nice Be Respectful” (sii gentile, sii rispettoso) che richiede un livello minimo di educazione quando si utilizza la piattaforma. Attraverso la tecnologia  — machine learning, natural language processing e pattern-matching— la piattaforma rileva e rimuove elementi che non rendono piacevole l’esperienza dell’utente come lo spam, il plagio e il trolling.

Gli utenti possono registrarsi all’indirizzo https://it.quora.com o scaricare l’app mobile Quora.

  • Quorista da anni 😉

  • jacksp

    Cuora nel Quore